Palermo | Centro del Documentario

A dicembre il baricentro del documentario italiano si sposterà a Palermo. La città sarà sede infatti di due eventi fondamentali per il mondo della produzione documentaristica italiana. Mercoledì 3 dicembre 2008, alle ore 12, sarà ufficialmente inaugurata la Sede Sicilia del Centro Sperimentale di Cinematografia Corso di Documentario Storico Artistico e Docu-fiction nella suggestiva cornice dei Cantieri culturali alla Zisa, un`ex area industriale di Palermo di grande l`importanza storica ed economica. E dal 10 al 14 dicembre sempre i Cantieri Culturali ospiteranno la terza edizione degli Stati Generali del Documentario, in collaborazione con Doc/it. Lo rende noto il seguente comunicato stampa che prosegue. All’inaugurazione della Sede Sicilia del Centro Sperimentale di Cinematografia, mercoledì 3 dicembre alle ore 12, intervengono: Raffaele Lombardo, presidente della Regione siciliana; Antonello Antinoro, assessore regionale dei Beni Culturali, Ambientali e della Pubblica Istruzione; Diego Cammarata, sindaco della Città di Palermo; Francesco Alberoni, presidente della Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia; Romeo Palma, dirigente generale del Dipartimento Regionale dei Beni Culturali, Ambientali e dell`Educazione Permanente; Marcello Foti, direttore generale della Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia; Antonino Buttitta, direttore didattico della Sede Sicilia del Centro Sperimentale di Cinematografia; Bartolomeo Corsini, direttore della Sede Sicilia del Centro Sperimentale di Cinematografia; Alessandro Rais, direttore della Sicilia Film Commission.

L’intero progetto è stato reso possibile dall`Assessorato Regionale ai Beni Culturali, Ambientali e alla Pubblica Istruzione che ha stanziato nove milioni di euro a valere sui fondi europei del P.O.R. Sicilia 2000-2006 per la ristrutturazione di tre plessi nell’area dei Cantieri alla Zisa, messi a disposizione dal Comune di Palermo (che ospiteranno, oltre alla Scuola propriamente detta, anche una nuova sala cinematografica da 484 posti ed una stecca di laboratori e uffici). La Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia, dopo la firma del protocollo d’intesa per l’istituzione della Sede siciliana della scuola, specificamente dedicata al documentario, impiegherà le proprie risorse umane e professionalità per dar corpo ai corsi. La Scuola sarà attiva dal gennaio prossimo, quando comincerà il mese propedeutico per gli allievi selezionati da cui verranno scelti i 12 studenti del triennio 2009-2011. In occasione dei Cantieri del documentario sono stati cofinanziati tre documentari di creazione realizzati da John Turturro e Roman Paska (sulle origini siciliane del grande attore e regista italo-americano), Pasquale Scimeca (sulla figura di Franco Scaldati), Maurizio Sciarra (su Mimmo Cuticchio), che saranno proiettati in anteprima assoluta nel corso dei Cantieri del Documentario il 10, 12 e 13 dicembre.
Da mercoledì 10 dicembre a domenica 14 dicembre si svolgeranno gli Stati generali del documentario italiano in collaborazione con Doc/it, l’associazione professionale di registi e produttori di documentari. In un programma molto articolato, si alterneranno proiezioni, di cui molte anteprime, e sessioni di discussione, presentazioni editoriali, incontri con l’associazione Cento Autori, la rete di diffusione dei documentari e dei festival dedicati al documentario. Tra i titoli presentati: il film collettivo no-profit “All human rights for all” realizzato da 30 autori e più di 800 professionisti del cinema italiano proiettato nel giorno del 60esimo anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani alla presenza di Roberta Torre, Costanza Quatriglio, Pasquale Scimeca, Nello Correale. In programma anche il backstage “Shooting Palermo” di Hella Wenders, alla presenza della regista, nipote del grande autore tedesco; “L`isola in me: in viaggio con Vincenzo Consolo” di Ludovica Tortora de Falco alla presenza della regista e di Vincenzo Consolo che incontrerà pubblicamente uno dei grandi maestri del documentario italiano, Vittorio De Seta, in occasione della presentazione del cofanetto edito da Feltrinelli “Il mondo perduto: i cortometraggi di Vittorio De Seta 1954-1959”.

 

Lascia un commento