Mafia, impegno civile, adolescenti: il cinema attinge ancora ai libri

Mafia, impegno civile, adolescenti: il cinema attinge ancora ai libri
 
Dopo il successo di Gomorra, tratto dal best seller omonimo del giornalista Roberto Saviano, il cinema italiano continua ad ispirarsi alle storie nate sui libri.
 
Il produttore Attilio De Razza ha acquistato i diritti per la trasposizione cinematografica di "Piu` scuro di mezzanotte. Una storia di mafia“, romanzo best seller del giornalista televisivo Salvo Sottile ( tre edizioni in un mese e uno dei più richiesti dagli editori stranieri).
Sottile sta lavorando alla sceneggiatura di un film tratto dal suo primo romanzo, "Maqueda", i cui diritti sono stati comprati dal produttore Pietro Valsecchi (Taodue Film).
Domenico Procacci, produttore con Fandango di Gomorra, sta preparando Diaz, sulla drammatica irruzione la notte del 21 luglio 2001 di alcuni reparti speciali della polizia in una scuola di Genova durante il G8.
Il film sarà diretto da Daniele Vicari, autore anche della sceneggiatura insieme a Laura Paolucci sulla base degli atti del processo conclusosi con la condanna di 13 agenti.
Tra i collaboratori ci sarà anche la poliziotta autrice del libro "Assalto alla Diaz", Simona Mammano.

Quattro donne diverse tra loro, ma legate da una colpa comune, l`infanticidio, sono invece al centro del progetto di Maria Grazia Cucinotta. L`ex attrice produrrà il film Il bene dal male scritto da Fabrizio Cattani e Grazia Verasani, autrice del libro "From Medea" a cui si ispira il film.

Un pubblico più giovane è l`obiettivo del nuovo progetto di Fausto Brizzi, che ha ha acquistato i diritti cinematografici del romanzo d`esordio del torinese Christian Frascella "Mia sorella è una foca monaca", un vero best seller fra gli adolescenti e non.

La storia di un sedicenne sullo sfondo della periferia torinese di fine anni `80 e il rapporto con il padre alcolista, la madre fuggita da casa e la sorella timorata di Dio sarà diretta da Marco Martani.
 
 
Fonte: CIneuropa

Lascia un commento