Fusioni | Agis dice no ad accorpamento Direzione Cinema e Spettacolo dal vivo

Agis dice no ad accorpamento Direzione Cinema e Spettacolo

Deciso no dell`Agis all`ipotesi di accorpare la direzione generale per il Cinema del ministero dei Beni culturali con quella dello Spettacolo dal vivo.

"L`Agis – dice il presidente Alberto Francesconi, replicando ai suggerimenti che dovrebbero arrivare mercoledì 27 dal gruppo di maggioranza della commissione cultura della Camera, chiamato a dare un parere sul testo della riforma del ministero voluta dal ministro Bondi – è in totale disaccordo con l`ipotesi di accorpare le due direzioni generali del ministero dei Beni culturali, competenti per il Cinema e per lo Spettacolo dal vivo, separate già da dieci anni e che svolgono funzioni e compiti differenti".

L` accorpamento delle due direzioni generali comporterebbe "una forte penalizzazione per tutto il mondo dello spettacolo" e sarebbe interpretato dallo spettacolo, dice ancora Francesconi,  "come un ulteriore segnale negativo nei confronti di un settore già colpito dai tagli dei finanziamenti e dal ritardo normativo. Sarebbe molto più produttivo per lo spettacolo se il legislatore si impegnasse maggiormente nella realizzazione delle necessarie riforme, attese da decenni, piuttosto che in discutibili alchimie organizzative".

"Siamo certi della sensibilità del Parlamento – conclude il presidente dell`Agis – ma ove questa ipotesi trovasse malauguratamente seguito, lo spettacolo sarebbe costretto a dare voce a forti forme di protesta".

Il ministro Sandro Bondi e il sottosegretario Francesco Giro si sono a loro volta espressi contro l`ipotesi di accopamento.

Fonte: Il Giornale dello Spettacolo

Lascia un commento