Looking for Sofia…ladies and gentlemen…Hollywood!

Caro diario,

oggi sono andata nella zona "in" di LA…la tanto acclamata e famigerata Hollywood…appena arrivate (io e amiche varie) ci siamo fiondate a guardare la mega scritta sulla montagna…e beh..che dire, è veramente strano vederla da vicino (che poi tanto vicina non era)…si insomma fino ad ora mi sono limitata a guardarla nei film o in qualche documentario…ed ho scoperto che non è sempre stata quella la scritta…nel 1969 quando è stata costruita era diversa: Hollywoodland! poi per questioni pratiche e di business (nessuno ricordava mai la parte finale) venne modificata…ma tu lo sai che la prima stella tatuata sui marciapiedi della Walk of Fame è dedicata ad una donna?  tu mi dirai "che cosa c`è di strano in questo?" niente se guardiamo la cosa con gli occhi di oggi…ma devi sapere che nel 1922, quando nella Hollywood blvd fu costruito il teatro "Egiptian", (che oggi viene utilizzato per conferenze e per ritrovi di registi vari…) , a le donne non era permesso neanche di entrare! L`Egyptian theatre è stato costruito nel 1922 ed era un teatro per soli ricchi: l`ingresso costava 7 dollari.Ti dicevo quindi, che veder tatuare per terra una stella per una donna era cosa assai anormale. vuoi sapere chi fu la fortunata? una giovane attrice chiamata Joanne Woodward…in tutto nella Walk of fame ci sono più di 200.387 stars… e ce ne è una in particolare che è stata lasciata vuota…e se ci fai caso nel primo video che ti ho regalato l`ho anche inquadrata…quella stella è dedicata ad Elvis…invece tutte le altre sono "piene", con tanto di nome e con tanto di simbolo indicante l`arte per cui si è stati riconosciuti: radio, tv, movies, musica, regia…deve essere un emozione allucinante vedere il proprio nome immortalato su una delle vie principali di una metropoli…ma a noi poveri comuni mortali la cosa non accadrà mai per quanto tutti continuino a sognarla. una cosa che ho notato: non c`era la stella di Sofia!!! che sciocchi…ci devo parlare io con i disegnatori và…

ovviamente mi sono fermata un attimo davanti la stella di Michael Jackson e ti lascio immaginare giornalisti vari che cercano di intervistare chiunque si fermi li davanti per un secondo, fotografie alla stella, gente che si commuove, mille fiori per terra o regalini vari…per quel che mi riguarda, volevo solo menzionare nel mio diario il Re del pop, ma non intendo aggiungere mie considerazioni al riguardo.

Ti dicevo che oltre all`Egyptian theatre c`è anche un altro famoso teatro chiamato Chinese…e devo dire che fra i tanti teatri è quello che mi ha colpita di più…così particolare…così vivo! sarà che di fronte ad esso è sempre pieno di gente che va toccate le famose manine della Monroe…o i piedi di Brad…o le unghie di George…insomma si…sai di cosa sto parlando…di fronte al teatro cinese ci sono le famose impronte degli artisti…tutto è cominciato quando la Marylin spensierata decise di cantare la canzoncina dal titolo Diamonds are girls best friend…o qualcosa di simile…ma dai la conosci è famosa! e comunque dicevo…Marylin cantava seduta per terra con le mani appoggiate sul suolo antistante il teatro cinese e da li le miracolose impronte rimaste, son trattate come reliquie… oppure quando John Wayne era arrabbiato col mondo e diede un pugno per terra lasciando "il segno" delle sue ossa…per non parlare di quando si sono radunati tutti i tre i brutti del pianeta (Clooney, PItt e non mi ricordo il terzo)…e han lasciato che le loro scarpine disegnassero un lieve segno sull`asfalto a modi bisturi…da allora quel piccolo segno è fruttato milioni dollari. e dovresti vedere tutta la gente li davanti che si fa le foto con le scarpe! tu ti sei mai fatto una foto con l`impronta di una scarpa? beh tutto è possibile ad HOllywood…oltre a questa che è l`area più famosa…in Hollywood blvd troviamo un modernissimo piano multilivello dove è concentrata l`area commerciale…e oltre ai mille negozi all`interno troviamo il Kodak Theatre famoso per la notte degli oscar chiamata "Academy Awards"…che darei per partecipare alla cerimonia degli oscar, che darei per vederla almeno una volta nella vita, ma non per il semplice vedere le stars…sai cosa me ne importa (beh dipende dalla star)…ma per sentire cosa si prova a sentirsi premiare per qualcosa che tu solo hai fatto o costruito…si, ci vorrei proprio andare ma non credo sia possibile.ecco, questa è una delle tante altre cose che nella vita voglio fare. partecipare alla notte degli Academy Awards…mica sto chiedendo la luna? quella solo ARmstrong l`ha chiesta e c`è riuscito pure. I muri dell`Hollywood center sono altissimi..e sai perchè? perchè ogni anno aggiungono la data con il nome del film vincitore di quell`anno stesso sul muro…devo dire che gli americani in questo sono stati bravi…questa è una delle tante forme che loro utilizzano per  portare rispetto a agli artisti…beh insomma..chiunque passa davanti quel muro prima o poi si fermerà a leggere cosa c`è scritto…io per esempio mi son sentita proprio nel mio mondo e non volevo andar più via…l`anno di Citizen Kane…come non ricordarlo…Intollerance…Sunset blvd…insomma dai, un conto è studiarli all`università in Italia e un altro conto è farseli raccontare dai leggittimi proprietari qui a Los Angeles…sarebbe la stessa cosa per noi se parlassimo dei nostri padri De Sica, Visconti, Rossellini…e dello spirito santo Fellini…insomma ad ognuno il suo…e se è qui che risiede lo stile gangstare (grazie e soprattutto al papà di Sofia), noir e musical…noi abbiamo tutt`altri discorsi di cui parlare e di cui vantarci per l`eternità…e "realisticamente" parlando credo che non esista un cinema migliore di un altro…dipende solo da quale prospettiva si esamina la cosa e comunque dove inzia l`uno finisce l`altro: il cinema non è finito e se così non fosse quale sarebbe il motivo retrostante gli incessanti studi universitari? quale motivo spingerebbe milioni di giovani ad avventurarsi del mondo "dell`irreale" in cui tutto è possibile e tutto è descivibile…in quel fantastico globo parallelo in cui "Tutto quel che può essere pensato o scritto può essere filmato"…

a domani diario mio…

Lascia un commento