Da Sodoma a Gomorra | Conferenza della Warwick University


Da Sodoma a Gomorra
Crisi e rinascita del cinema italiano

— § —

22-24 January, 2010
Conference on Italian Screen Studies

 

Dopo Salò il cinema italiano è stato definito con una terminologia negativa, che richiama i concetti di crisi, di stasi. Paradossalmente, si è al contempo registrata una controtendenza identificabile con la rivalutazione del cinema italiano inquadrato in una fase di rinascita ed evoluzione intellettuale e culturale. Questo contrasto è particolarmente evidente oggi: da un lato si parla di ‘crisi di identita’ del nostro cinema (E. G. della Loggia, Corriere della Sera, 29 agosto 2007), mentre dall’altro il successo internazionale di Gomorra fa pensare a un ‘riscatto italiano’ (N. Aspesi, La Repubblica, 26 maggio 2008).

Una visione sinottica di questo antagonismo è la proposta concettuale di un cinema nazionale in uno stato di immanente convalescenza, un’immagine diafana, fluttuante, indefinita; un concetto questo che risponde al tentativo o, come lo definisce Nanni Moretti, ‘il vizio di stabilire, due o tre volte all’anno, lo stato di salute del cinema’ (F. Caprara, La Stampa, 8 novembre 2008). All’interno di un ampio quadro di ricerca internazionale, si è tentato di rivalutare il ruolo del cinema italiano con lo scopo di riproporre un approccio teorico-metodologico che consenta l’inquadramento epistemologico di ‘crisi’ e ‘rinascita’ del nostro cinema (per parafrasare le proposte d’oltremanica degli studiosi Catherine O’Rawe e Alan O’Leary).

La conferenza Da Sodoma a Gomorra intende quindi esplorare le dinamiche oscillanti di tale constrasto, e si propone come momento di riflessione su un segmento significativo della storia del cinema del Bel Paese: dagli anni Settanta al giorno d’oggi. Lo scopo è identificare i fattori determinanti di questa immagine cangiante del cinema e, nello specifico, le influenze storico-culturali e ideologiche; si vuole inoltre inquadrare questa altalenanza tendendo conto del ruolo dello spettarore e di come questa figura sia mutata negli ultimi quarant’anni. In una prospettiva comparativa, fondamentale è inoltre considerare il peso intellettuale delle figure più emblematiche del cinema italiano (Rossellini, Fellini, Pasolini, Antonioni…) per i registi delle generazioni successive, e soprattutto lo sviluppo crescente delle nuove tecnologie al servizio del linguaggio cinematografico.

Sponsorizzata dall’ AHRC (Arts and Humanities Research Council), dall’HRC (Humanities Research Council), e dall’ SIS (Society for Italian Studies) la conferenza è nata da un’idea di due ricercatori e docenti di storia e critica del cinema italiano presso la University of Warwick, Mariarita Martino Grisà e Dom Holdaway, con la collaborazione di Cinemonitor: Osservatorio Cinema che ha reso possibile la diffusione della notizia relativa all’evento sul territorio nazionale, e di cui è prevista la presenza attraverso un collegamento audio-video in cui verranno presentate, al pubblico dei partecipanti, la missione e le attività di monitoraggio del gruppo di ricerca romano. La conferenza si terrà dal 22 al 24 gennaio 2010 nei locali della Facoltà di Studi Umanistici dell’università inglese; in tale contesto le suddette tematiche verranno affrontate attraverso la presentazione di articoli, che offrono una visione caleidoscopica del fenomeno cinematografico italiano e da diversi punti di vista, raccolti successivamente alla pubblicazione di un bando. Si è registrata infatti una partecipazione di studiosi di calibro internazionale: i Professori Vito Zagarrio (Roma 3) e Peter Bondanella (Indiana University) costituiranno i nodi centrali nelle prime due giornate di studio in cui offriranno delle guest lectures ai partecipanti; anche la terza giornata consisterà nella presentazione di relazioni individuali, ma a questa seguirà una una ‘tavola rotonda’ finale alla quale parteciperanno i maggiori studiosi di cinema italiano del Regno Unito come Catherine O’Rawe (Bristol), Robert Gordon (Cambridge), Guido Bonsaver (Oxford), e Alan O’Leary (Leeds). Inoltre, saranno presenti anche altri ricercatori e accademici di fama internazionale come Gaetana Marrone (Princeton), Gino Moliterno (ANU), Christian Uva (Roma 3), e Pauline Small (Queen Mary) – per citarne solo alcuni.

——————–>
La partecipazione e la registrazione all’evento è aperta a chiunque sia interessato a trascorrere un fine settimana nella verde Inghilterra in compagnia di studiosi, accademici, e cultori della materia con uno scopo comune: quello di discutere lo stato e le vicissitudini del cinema italiano ‘da Sodoma a Gomorra’.


[+] PROGRAMMA  >>>

 

—————————————————————————-
Per ulterior
i informazioni si prega di contattare:

[+] Mariarita Martino Grisà  (UK)   |   Mariarita.martino@warwick.ac.uk
[+]
Dom Holdaway
  (UK)   |   D.F.G.Holdaway@warwick.ac.uk
[+]
Edoardo Campanale
  (IT)   |    edoardo.campanale@cinemonitor.it

Oppure visita i siti internet dedicati alla conferenza ai seguenti indirizzi:
[+]
http://www2.warwick.ac.uk/fac/arts/italian/forthcoming/2010conference  >>>
[+] http://dasodomaagomorra.wordpress.com  >>>

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento