IL CINEMA NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE

 

Si è conclusa domenica 7 febbraio con la consegna dei premi Cicale di CinemadeinLazio la quarta edizione del Festival CineMadeinLazio, il festival cinematografico di Monterotondo, patrocinato dalla Regione Lazio, dal Comune di Monterotondo e promosso dall’Associazione Culturale La Fornace per valorizzare le migliori risorse creative e produttive dell’audiovisivo ambientato nel Lazio
Obiettivo di questa edizione, denominata “Millemondi di cinema”, è << l’incontro con l’altro e la pluralità degli sguardi sui mondi fisici, culturali ed umani che popolano il Lazio >> attraverso opere cinematografiche << che parlano di noi e del nostro tempo…intrecciando idee ed emozioni…dando vita ad un’esperienza avvolgente>>.
Sotto la direzione artistica di Silvio Montanaro e di Ugo Gregoretti, presidente del Festival, sono stati presentati sei lungometraggi per la sezione LungoLazio, concorso riservato ai lungometraggi made in Lazio, e sedici opere tra documentari e cortometraggi provenienti dai Festival Partner come Visioni Fuori Raccordo Film Festival e TekFestival.
Nella sezione Doc&CortoLazio ha ricevuto la Cicala del Cinemadeinlazio “Alisya nel paese delle meraviglie” del giovane regista Simone Amendola: un documentario, di influenza pasoliniana, sull’integrazione e sulla convivenza nel quartiere romano della Cinquina, dove i giovani Fabio, Bonzo, Combo, Jessy, figli di italiani e di immigranti, raccontano il loro viaggio alla ricerca di una casa nelle borgate romane di Ostia, Centocelle, Boccea, Colle Salario e l’arrivo nel quartiere della Cinquina.
Menzione speciale “Migranti” al Visioni Fuori Raccordo Film Festival Festival, questo documentario conferma la capacità del giovane regista di fotografare la realtà sociale e mostrarne le dinamiche più controverse. Dello stesso anno di produzione è il documentario “Quando combattono i ferrovieri” sul licenziamento del macchinista Dante De Angelis, cornice narrativa per affrontare lo stato di precarietà dei ferrovieri italiani.
 

 

Lascia un commento