La felicità secondo Salvatores

Happy Family | Da venerdì nelle sale

Esce venerdì il nuovo film Gabriele Salvatores, Happy Family. In due parole, il ritratto corale di personaggi che hanno, ognuno a suo modo, paura di qualcosa, probabilmente di vivere. Tratto dalla pièce di Alessandro Genovesi, lo script del film immagina la vicenda di due adolescenti che vogliono sposarsi, con le due rispettive famiglie da mettere d`accordo. Dopo il fosco dramma di Come Dio comanda, l`autore di Quo vadis, baby? torna a giocare nuovamente con il cinema, mettendo in scena una commedia dove i livelli di lettura e d`azione si confondono per ribadire una libertà troppo spesso dimenticata che fa pensare a La rosa pupurea del Cairo di Woody Allen. Happy Family è probabilmente il film più colorato di Salvatores,  interpretato da Fabio De Luigi, Fabrizio Bentivoglio, Diego Abatantuono e Margherita Buy.

 “Preferisco leggere o vedere un film piuttosto che vivere…nella vita non c’è una trama!”
                                   
                                                                                                        Groucho Marx

Tutti i personaggi di questo film hanno paura di qualcosa… in genere paura di vivere, paura degli altri, paura di soffrire, ma anche di provare piacere. E, come se non bastasse, sono solo i personaggi di un film, quello che stiamo vedendo, scritto da uno sceneggiatore che preferisce scrivere una storia d’amore invece che innamorarsi. Il film si chiama Happy Family. La “famiglia” siamo noi, tutti noi che stiamo facendo insieme questo viaggio in questi anni, su questo pianeta. La felicità è qualcosa a cui avremmo diritto e che, a volte, noi stessi ci neghiamo. Questo film cerca di guardare la vita con un sorriso, e gli altri – i nostri compagni di viaggio – con un po’ di disponibilità e tenerezza. Perché sarebbe bello che questa FAMILY diventasse un po’ più HAPPY.

Gabriele Salvatores

Lascia un commento