Selezionati i 5 documentari di “Italiani Brava Gente 2010”

Seconda edizione di "Italiani Brava Gente" | Cinque i documentari in concorso

Sono stati annunciati i cinque documentari in concorso per la seconda edizione di "Italiani Brava Gente", il festival organizzato dal portale CinemaItaliano.info con il sostegno di Regione Toscana e Mediateca Regionale, che si terrà a Firenze venerdì 9, sabato 10 e domenica 11 aprile. Un festival per capire l`Italia, attraverso lo sguardo dei documentaristi italiani che raccontano il momento storico del nostro paese, alle prese con la crisi economica e le malformazioni politiche e sociali.

I 5 documentari sono stati selezionati dalla redazione di CinemaItaliano.info tra gli 89 lavori iscritti provenienti da tutta Italia. Nei prossimi giorni verranno annunciati anche gli ospiti, la giuria, gli incontri e le proiezioni fuori concorso. Tra le tematiche di quest`anno: cosa è stata Tangentopoli, la crisi economica di inizio millennio, i giovani e la precarietà, politica italiana anni zero, cultura televisiva e sistema Auditel, consapevolezza sociale di oggi e di ieri.

Ecco i documentari selezionati:

"L`Italia Del Nostro Scontento" (di Elisa Fuksas, Lucrezia Le Moli, Francesca Muci)

Un viaggio nell`Italia di oggi per indagare tre temi di grande centralità: l`ambiente, i giovani e la politica. Raccogliendo testimonianze sia da gente comune che da intellettuali, le tre autrici compongono un mosaico che esprime tante delle criticità del nostro paese in questo momento storico. Un documentario alla ricerca delle cause dello scontento degli italiani, che appare generalizzato a più contesti e categorie sociali.


"Debito Di Ossigeno" (di Giovanni Calamari)

 

Gli effetti della crisi economica sul lavoro e sulla vita delle famiglie. L`improvvisa perdita del lavoro che produce crisi di identità ed incertezza nel futuro. Chi aveva un posto fisso ed aveva investito sulla casa si ritrova un mutuo sulle spalle che non sa come pagare. Chi lavorava nella precarietà con la speranza di ottenere un giorno un posto fisso, si rassegna ad una vita lavorativa senza certezze. Il ritratto di una Italia in debito di ossigeno.


"Caccia Grossa" (di Stefano De Felici, Sara Donati)

 

Una analisi di come è cambiata la consapevolezza sociale negli ultimi 50 anni, attraverso il racconto dei manifestanti di oggi e le immagini di archivio delle manifestazioni del secolo scorso. Mentre un tempo la reazione era collettiva, oggi le voci di dissenso appaiono isolate e personali. Rispetto al passato, oggi non si scende più in piazza per chiedere nuovi e migliori diritti, piuttosto si tenta di non farsi sottrarre quelli già ottenuti.


"Di Me Cosa Ne Sai" (di Valerio Jalongo)

 

Iniziato come un`amorosa indagine sul rapido declino del cinema italiano, che fino agli anni `70 dominava la scena internazionale, questo docu-drama alterna testimonianze dei protagonisti di allora a frammenti della vita culturale e politica degli ultimi trent`anni: un diario di viaggio che racconta l`Italia da nord a sud, attraverso sale cinematografiche e ragazzini teledipendenti, Berlusconi e Fellini, centri commerciali e direttori di telegiornale.


"Armando e la Politica" (di Chiara Malta)
 

Una figlia mette in scena una sorta di spy-story alla ricerca della vera identità di suo padre Armando che, socialista e vicino al sindacato per una vita, dopo la rivoluzione di tangentopoli e della politica dei primi anni Novanta, si è inaspettatamente avvicinato per due anni a Berlusconi e al centrodestra. Adesso Armando nega nel modo più assoluto, ma Chiara non ci sta e indaga, con tutti i mezzi che il cinema le mette a disposizione, per scoprire quale sia la verità.

Lascia un commento