Le Ultime 56 ore | Un thriller di denuncia

Le Ultime 56 ore | Un thriller di denuncia

Girato tra Catania e Roma, “Le Ultime 56 ore” promette di essere un “film che farà discutere” trattando il tema dei militari reduci dalla Bosnia che si sono ritrovati a bonificare il territorio dall`uranio impoverito senza le protezioni adeguate e sono rimasti vittime di gravi malattie.

La storia, secondo quanto appreso qua e là su internet dovrebbe trattare questa materia in un intreccio tra le vite dei personaggi che si scatenerà "per un caso fortuito del destino nello stesso luogo (l`ospedale) durante la missione segreta di Moresco (Gianmarco Tognazzi) e i suoi uomini. Da questo momento in poi si scatenano eventi con continui colpi di scena, suspance ed azioni movimentate da un intreccio giallo ad alta tensione psicologica con un finale sorprendente e rivelatore”.

Scritto da Rossella Drudi e prodotto da Carlo Bernabei il film sembra avere grandi potenzialità, unendo un argomento di denuncia sociale in una trama da film d`azione puro.
Claudio Fragasso è un regista “vecchia maniera” con un esperienza specifica nei generi d`azione, il cast è interessante, la sceneggiatura sembra densa, insomma gli elementi per un buon film ci sono tutti.
Inoltre i rimandi che sia il produttore sia la sceneggiatrice fanno ad un Cinema “di spessore” e “a una cinematografia libera e profonda proprio come quella del cinema di un tempo” sembrano convinti e la neonata casa di produzione “Heles Film Production” basa proprio su questa filosofia la sua esistenza.
Parlando del film la stessa sceneggiatrice Rossella Drudi esprime quali sono i sentimenti che l`hanno portata a scrivere questa storia insistendo sulla denuncia sociale che non nasconde essere il fine della pellicola: “Penso che non si possa essere dei maghi per prevedere il futuro, basta solo fermarsi ad osservare e guardare un attimo indietro, cosa che oggi non fa più nessuno. Così come è raro ascoltare quello che sta dicendo l`altro, non solo per fargli un favore. Avvenga quello che avvenga per me la verità è sempre la cosa più importante.”

 

Lascia un commento