63° Festival di Cannes | Cannes Classics 2010




Copie nuove o restaurate, omaggi alle cinematografie estere, documentari sul cinema : questa sezione riunisce le iniziative del Festival di Cannes in favore del patrimonio cinematografico.

Annunciato il programma di Cannes Classics, sezione collaterale del Festival di Cannes (12 – 23 Maggio) creata nel 2004, che accompagna le opere della Selezione Ufficiale con un programma di capolavori del cinema mondiale in versione restaurata.

"Da ormai sei anni, Cannes Classics testimonia la vitalità mondiale del patrimonio cinematografico", ha dichiarato all`AFP Thierry Frémaux, Delegato Generale del Festival di Cannes. Ed è stato lo stesso Frémaux a lanciare a Lione lo scorso Ottobre a la prima edizione del Festival Lumière, vetrina per i grandi film del passato, ma anche per quelli popolari, i classici e le rarità, riscuotendo subito grande successo tra il pubblico.

 

L’ Italia a Cannes | Un corto di Rossellini tra le rarità di Cannes Classics

Quest’anno ci saranno importanti capolavori del cinema mondiale in versione restaurata nella programmazione di Cannes Classics.

Il regista spagnolo Pedro Almodovar, il tedesco Volker Schlöndorff, l`indiano Mrinal Sen e l’americano Martin Scorsese, ospiti del prossimo Festival di Cannes, presenteranno dei capolavori del cinema mondiale in versione restaurata.

Boudu salvato dalle acque di Jean Renoir (1932) in una versione restaurata a cura della Cineteca di Bologna e con una sequenza inedita, ma anche La bataille du rail di René Clément, Il Gattopardo di Luchino Visconti, Il bacio della donna ragno di Hector Babenco, La regina d`Africa di John Huston, Il tamburo di latta di Volker Schöndorff e ancoraa Mrinal Sen, Ingmar Bergman e Tristana di Luis Buñuel (1970), proposto alla presenza di Pedro Almodovar e dei Ministri della Cultura francese e spagnolo, saranno tutti a Cannes Classics insieme a una rarità di Marcel L`Herbier e alla versione rinnovata e con il sonoro restaurato di Psycho di Alfred Hitchcock.
La Cineteca di Bologna presenta anche due cortometraggi: Il ruscello Ripasottile (1941, 6`) di Roberto Rossellini e The eloquent Peasant di Chadi Abdel Salam (Egitto, 1970, 8`). Il Gattopardo di Luchino Visconti, Palma d`oro nel 1963, è stato restaurato dalla Cineteca di Bologna. L`Immagine Ritrovata insieme al CSC e alla World Cinema Foundation di Martin Scorsese che porta sulla Croisette anche tre film rari dal Kazakistan, dall`Ungheria e dall`India (The Red Flute di Ermek Shinarbaev, Two Girls in the Street di Andre` de Toth e A River Called Titas di Ritwik Ghatak), restaurati dalla World Cinema Foundation, che lui stesso ha fondato nel 2007 al fine di aiutare i Paesi in via di sviluppo a salvaguardare il proprio patrimonio cinematografico.

 

PROGRAMMA

 – LA BATAILLE DU RAIL (Francia, 1946, 82’) di René Clément, Premio della Giuria nel 1946, restaurato dall’INA e Full Images. Alla proiezione sarà presente Johanna Clément.

– BOUDU SAUVE DES EAUX di Jean Renoir (Francia, 85’, 1932), un restauro presentato da Pathé in versione inedita, che reintegra una scena inedita. Copia restaurata da Pathé con la partecipazione dei laboratori L’Immagine Ritrovata e Digimage.


-TRISTANA (Spagna/Francia/Italia, 99’ 1970) di Luis Buñuel, selezionato a Cannes nel 1970, sarà proiettato in occasione di una celebrazione della cinematografia spagnola, su iniziativa del Ministro della Cultura Frédéric Mitterrand, del suo corrispondente spagnolo e di numerosi artisti spagnoli. Copia conservata dalla Filmoteca Española. Il film sarà presentato da Pedro Almodovar.


– IL GATTOPARDO (Italia, 185’, 1963) di Luchino Visconti, Palma d’ Oro nel 1963. Restaurato in collaborazione con la Cineteca di Bologna, L`Immagine Ritrovata, Film Foundation, Pathé, Fondation Jérôme Seydoux-Pathé, Twentieth Century Fox e il Centro Sperimentale di Cinematografia-Cineteca Nazionale. Con il sostegno di Gucci e Film Foundation. Restauro digitale di Colorworks ; restauro sonoro de L`Immagine Ritrovata. Hanno contribuito anche Martin Scorsese, Giuseppe Rotunno e Titanus.


– DIE BLECHTROMEL (Le Tambour) (Germania, 164’) di Volker Schlöndorff, Palma d’Oro nel 1979, rimontato e presentato dall’autore in un "director’s cut" rimasterizzato da Kinowelt.


– KHANDAHAR (Les Ruines) (India, 102’) realizzato nel 1983 da Mrinal Sen, ottantasettenne veterano del cinema indiano che sarà presente alla proiezione. Restauro effettuato da Reliance MediaWorks con il sostegno dello Stato indiano e degli Archivi nazionali del film dell’India.

– LA CAMPAGNE DE CICERON (Francia, 111’, 1989) di Jacques Davila, scomparso nel 1991 sul set (per l’occasione sarà presente l’équipe del film). Restauro presentato dalla Cinémathèque de Toulouse con il sostegno della Fondation Groupama Gan per il cinema. Il film uscirà in DVD con Carlotta Films.

– LA 317e SECTION (Francia, 94’), Premio alla Sceneggiatura nel 1965, copia restaurata dalla Cinémathèque française e StudioCanal con il sostegno del Fonds Culturel franco-américain, in presenza del suo regista Pierre Schoendoerffer e del Presidente della Cinémathèque Costa-Gavras.


– LE GRAND AMOUR (Francia, 87’), in concorso a Cannes nel 1969, realizzato e presentato da Pierre Etaix. Copia restaurata da Studio 37, Fondation Technicolor per il Patrimonio Cinematografico e La Fondation Groupama Gan per il cinema.

– AFRICAN QUEEN (USA / Gran Bretagna, 105’, 1951) di John Huston. Copia restaurata dalla Paramount Pictures e ITV, patrocinato da Angelica Huston.

– AU PETIT BONHEUR di Marcel L’Herbier (Francia, 102’, 1946). Copia restaurta da Archives Française du film (CNC) e StudioCanal.

– PSYCHO (USA, 109’, 1960) di Alfred Hitchcock. Copia restaurata da Universal Pictures e Audionamix. Il film è stato oggetto di un restauro/ricostruzione del sonoro.

– KISS OF THE SPIDERWOMAN (USA / Brasile, 120’) di Hector Babenco, (Priemio Miglior Attore – Cannes – 1985). Copia restaurata da Ascent Media e Prime Focus. Sarà presente l’équipe del film in occasione del suo 25° anniversario. Il film uscirà prossimamente in Francia (Carlotta Films).


Infine, la World Cinema Foundation, fondata a Cannes da Martin Scorsese nel 2007, presenta : MEST (La Flute de roseau) di Ermek Shinarbaev, (Kazakistan, 96’, 1989), KÉT LÁNY AZ UTCÁN (Deux filles dans la rue) di André de Toth (Ungheria, 85’, 1939,) e TITASH EKTI NADIR NAAM (Une rivière nommé Titash) di Ritwik Ghatak (India, 158’, 1973). Le copie, provenienti dagli archivi cinematografici nazionali del Kazakistan, dell’Ungheria e dell’India, sono state restaurate dalla Cineteca di Bologna/ L’Immagine Ritrovata.

La Cineteca di Bologna presenterà anche due cortometraggi: IL RUSCELLO DI RIPASOTTILE (Italia, 1941, 12’) di Roberto Rossellini e THE ELOQUENT PEASANT di Chadi Abdel Salam (Egitto,1970, 20’).

Documentari

-HOLLYWOOD DON’T SURF (USA, 2010, 85’) di Greg MacGillivray, esplora il tema del surf nei film americani, con testimonianze, tra gli altri, di John Milius e di Steven Spielberg.


-CAMERAMAN: THE LIFE AND WORK OF JACK CARDIFF (Gran Bretagna, 2010, 90’) di Craig McCall, documentario sulla vita ed il lavoro di uno dei più grandi operatori cinematografici inglesi, che lavorò al fianco di Michael Powell e Emeric Pressburger, Alfred Hitchcock, Richard Fleischer, John Huston.

-MEN FILMEN ÄR MIN ÄLSKARINNA (But Film is My Mistress) (Svezia, 2010, 66’) di Stig Bjorkman, prodotto dalla Ingmar Bergman Foundation, è un documentario con protagonisti otto film del regista svedese selezionati e commentati da grandi registi come Woody Allen, l’italiano Bernardo Bertolucci, Ming-liang, Lars von Trier, Martin Scorsese.

-TOSCAN di Isabelle Partiot-Pieri (Francia, 2010, 90’) è una sorta di "autoritratto postumo" di Daniel Toscan du Plantier, produttore francese scomparso nel 2003.

 

Veronica Di Tillio

 

Lascia un commento