Lost | Ultime ore sull`isola

 Lost | Ultime ore sull`isola

22 settembre 2004 Il volo Oceanic 815 partito da Sidney alla volta di Los Angeles precipita su un`isola sconosciuta del pacifico. Non è un fatto di cronaca, ma l`evento televisivo che per 6 anni ha incollato quasi 16 milioni di telespettatori davanti alla tv. Lost è una serie televisiva della Abc creata da J.J. Abrams (Cloverfield e Star Trek) e diventata un fenomeno mondiale.

Il serial è entrato talmente tanto nelle nostre vite da creare un vero e proprio caso: libri, videogiochi, siti a tematica, conferenze e lezioni in varie università ed è stato l`unico evento televisivo che ha costretto il Presidente degli Stati Uniti a posticipare la data di un suo discorso alla nazione previsto proprio per la messa in onda della prima puntata dell`ultima stagione.

Ma cosa ha reso Lost un caso mondiale?
Sicuramente il cast: nella prima stagione 14 ruoli principali, il più grande dopo Desperate Housewives, e numerosi personaggi ricorrenti succeduti nelle 6 stagioni. Personaggi come Jack, Sawyer, Kate, Lock, Jacob sono entrati nell`immaginario collettivo diventando veri e propri miti. Merito del successo va anche alla struttura degli episodi formata principalmente da due storie distinte: una che si svolge sull`isola che continua puntata dopo puntata, ed una storia parallela che, in ogni episodio, si focalizza su un personaggio in particolare attraverso l`utilizzo di flashback precedenti all`incidente aereo. A partire dal finale della terza stagione sono stati utilizzati anche dei flashforward che narrano gli eventi successivi alla storia principale. Non va dimenticata la trama ricca di picchi narrativi ad elevata drammaticità, con un filo conduttore che è la frase “Everything happens for a reason” (tutto accade per una ragione), e piena di riferimenti filosofici e religiosi.

Oggi dopo 120 puntate Lost giunge al termine. Il finale mandato in onda in contemporanea in diversi paesi, tra cui l`Italia, promette di lasciare tutti con il fiato sospeso dopo una stagione a detta di molti fan altalenante e per certi versi deludente. Ma questo non distoglierà gli appassionati da risvegli all`alba, marinare scuola, università e lavoro per gustarsi l`ultimo episodio. Una delle poche cose certe è il fatto che molti misteri dell`isola rimarranno sicuramente senza risposta ma almeno vedremo compiersi il destino dei naufraghi che da 6 anni lottano per il proprio libero arbitrio.

Lost, nonostante gli alti e bassi, è stata senza ombra di dubbio una serie di successo da picchi di pubblico di 16 milioni di telespettatori a puntata, che ha cambiato il modo di fare televisione (Flashforward e Fringe) e ha generato una serie di fan colpiti da una patologia ben definita la “Lost Addicted”, secondi solo ai seguaci di Star Trek.

Lorenzo Colapietro


Lascia un commento