Ciak di Corallo 2010 a Pavel Lounguine

Al regista russo Pavel Lounguine il Ciak di Corallo 2010 premio alla carriera

 

Al regista russo Pavel Lounguine il Ciak di Corallo 2010 premio
alla carriera Sarà Pavel Lounguine, regista russo di “Taxi blues”, “Le nozze” e “Tzar” a ricevere il premio alla carriera Ciak di Corallo 2010 nell’ambito dell’8° edizione dell’Ischia Film Festival, concorso cinematografico internazionale dedicato alla location.
Nato a Mosca nel 1949,  Pavel Lounguine è il regista russo che più di ogni altro ha raccontato la trasformazione del proprio Paese negli ultimi venti anni. Dal cupo passato stalinista allo scenario contemporaneo segnato da corruzione, spregiudicatezza e criminalità. Un cinema mai didattico o retorico, in cui spesso il pessimismo di fondo viene temperato da una sconclusionata allegria e un’invincibile speranza. “Dopo Abel Ferrara, vincitore del Ciak di Corallo nella passata edizione”” ha dichiarato  Michelangelo Messina, ideatore e direttore artistico del Festival, “mi sembrava giusto attribuire un riconoscimento alla carriera di un regista europeo come Lounguine, sin dagli esordi ispirato narratore di un paese complesso e contraddittorio come la Russia post glasnost”.
Il Ciak di corallo sarà ritirato dallo stesso Lounguine il 7 luglio, in una serata- omaggio durante la quale verranno proiettate due tra le opere più significative della sua carriera: “L’isola – Ostrov”, potente riflessione sulla fede, il peccato, l’espiazione e “Tzar”, suo ultimo film, presentato al 62esimo Festival del cinema di Cannes e in anteprima italiana all’Ischia Film Festival. Nelle passate edizioni il riconoscimento alla carriera è stato attribuito, tra gli altri, al production designer Sir Ken Adam, all’autore della fotografia cinematografica Vittorio Storaro, al regista italiano Giuliano Montaldo.

 

Qui vi proponiamo un cortometraggio del regista per "Spotlight on a massacre" (2006): 10 shortfilms against 100 millions of clustermunitions.

 

 

 

Lascia un commento