Cinema & Moda | Gilda




Non c’è mai stata una donna come Gilda!
 
Questa settimana ho scelto di fare un tuffo nel passato per ripescare un abito che ha segnato un’epoca come la star che lo ha indossato. Con quel lungo abito nero che le avvolgeva le curve è diventata un simbolo per tutti i soldati americani tornati dal fronte dopo la seconda guerra mondiale. Nel firmamento di Hollywood non è mai esistita una stella come Gilda!
 
Buenos Aires, 1945. Un casinò che serve da copertura per una bisca clandestina, un ex ballerina e due uomini d’affari. Un triangolo d’amore e odio, un menage a trois che si consuma tra la femme fatale Gilda, oggetto del desiderio del proprietario del casinò Ballin e Johnny, braccio destro di Ballin e amante di Gilda. La star hollywoodiana Rita Hayworth è la seducente dark lady dai capelli rossi nel film “Gilda” (1946) di Charles Vidor. Glenn Ford interpreta Johnny che non ha mai dimenticato la storia d’amore avuta con Gilda prima che lei sposasse Ballin. Le scene più celebri sono quella con cui si apre il film, quando Ballin chiede a Gilda «Sei presentabile?» e lei volgendo la testa indietro risponde «Io? Lo sono più del necessario!» e quella in cui la Haywort scatena le fantasie erotiche degli spettatori con un sensualissimo strip-tease mentre canta “Put the Blame on Mame” sfilandosi  un guanto durante un numero di danza creato dal coreografo Jack Cole.
 
 
Dopo il successo di Gilda, la vita di Rita Hayworth è stata sopraffatta  dal suo ruolo di diva come lei stessa una volta ha ammesso: “Ogni uomo che ho conosciuto è sempre stato innamorato di Gilda non di Rita!”. La trama del film, tratta dall’originale racconto di E. A. Ellington, è un mix di noir e dramma passionale, che tocca tematiche controverse come la presunta omosessualità di Johnny che rivela una personalità misogina e sadomasochista. “Gilda”, nonostante il severo giudizio della critica che ha accolto la pellicola nel nostro paese, rimane un capolavoro indiscusso del cinema americano.
 

 

Lascia un commento