Festival dei Popoli: i vincitori in programma a Roma

Proiezioni a Roma | Film vincitori Festival dei Popoli

In programma oggi al Cinema Nuovo Sacher – poi, giovedì 25 novembre al Cinema Alcazar e giovedì 2 dicembre al Cinema Farnese – i film vincitori del Festival dei Popoli da poco concluso.

La Giuria del Concorso Lungometraggi e del Concorso Cortometraggi, composta dai cineasti Michelangelo Frammartino (Italia), Lech Kowalski (Usa), dal direttore del festival Cinéma du Réel Javier Packer-Comyn (Francia), dalla produttrice Tiziana Soudani (Svizzera) e dalla consulente della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia Aliona Shumakova (Russia) ha assegnato i seguenti premi:

CONCORSO LUNGOMETRAGGI
Premio dei Popoli al miglior Documentario (premio di 10.000 euro) a CUCHILLO DE PALO di Renate Costa (Spagna, 2010)
con la seguente motivazione:
“Questo film riesce a portare avanti un’indagine nella storia familiare della regista e al tempo stesso nella memoria della repressione operata dalla dittatura di Stroessner in Paraguay. Evitando di cadere nella trappola del genere ci offre un film profondamente onesto, personale, politico e femminista”.

Premio dei Popoli alla miglior Regia
(premio di 5.000 euro in collaborazione con Fondazione Ente dello Spettacolo) al cineasta più innovativo a
Sylvain L`Esperance
per il film INTERIEURS DU DELTA (Canada, 2009)
con la seguente motivazione:
“In Interieurs du Delta la presenza di Sylvain L’Espérance è ferma e rispettosa. Il regista permette ai suoi soggetti di esprimersi e nel farlo ci mostra come essi non siano alla periferia della società ma al centro della crisi che investe il mondo”.

Targa Gian Paolo Paoli per il miglior film etnografico antropologico a
FOREIGN PARTS di Véréna Paravel, J. P. Sniadecki (USA, 2010)
con la seguente motivazione:
“per il coraggio di mettere in discussione l’approccio tradizionale della ricerca antropologica scegliendo gli Stati Uniti come oggetto dell’indagine: l’umanità disperata che abita il cimitero d’auto di Willets Point incarna i conflitti del sogno americano”.

CONCORSO CORTOMETRAGGI
Premio dei Popoli al miglior Cortometraggio (premio di 2.500 euro) a
COTONOV VANISHED di Andreas Fontana (Svizzera, 2009)
con la seguente motivazione:
“Se un marziano vedesse questo corto riuscirebbe a capire la Terra molto meglio”.

menzione speciale a
SI YO FUERA TÚ, ME GUASTARÍAN LOS CICATRIZ di Jorge Tur Moltó (Spagna, 2010)
con la seguente motivazione:
“La storia del Punk a Vitoria o New York, Londra, L.A., Parigi, Montreal ha le stesse radici, le stesse motivazioni, lo stesso spirito e questo film è l’unico nella storia del cinema Punk che in modo conciso e in maniera Punk riesce ad illustrare la radicale irriverenza del movimento”.

Premio Lorenzo de’ Medici (premio di 1.000 euro attribuito da una giuria di studenti) a
MAYE ET FILS di David Maye (Svizzera, 2010)
con la seguente motivazione:
“Per la capacità di mostrare tre generazioni a confronto attraverso uno sguardo umano e commosso, rendendo universali tematiche private e familiari”.

Premio “Selezione CINEMA.DOC Firenze”
(il premio consiste nell`inserimento all`interno del Circuito CINEMA.DOC. Compongono la giuria Cristiana Carmosini e Riccardo Biadene della direzione artistica di CINEMA.DOC) a
THIS IS MY LAND…HEBRON di Giulia Amati e Stephen Natason (Italia, 2010)
ex-aequo
LEFT BY THE SHIP di Emma Rossi Landi e Alberto Vendemmiati (Italia/Usa/Finlandia, 2010)

Lascia un commento