The Housemaid | Hanyo

Diretto da Im Sang-soo | Thriller coreano

Remake in chiave moderna del capolavoro diretto da Kim Ki-young. Thriller erotico firmato Im Sang-soo, in arrivo dalla Corea del Sud. Il regista è molto controverso ed è stato spesso censurato. Nelle pellicole parla esplicitamente di sessualità e di temi tabù nel suo paese. In The President’s Last Bang ha narrato ad esempio l`assassinio del presidente Park Chung-hee avvenuto nel 1979.
Con questo film, presentato all`edizione di Cannes 2010, continua a porre l`accento sui mali della società coreana qui descritta come classista, arrogante e maschilista in cui le donne, tagliate fuori, tramano nell`ombra per conservare i loro privilegi.
La giovane e ingenua Eun-yi viene assunta come aiuto-governante presso una ricca famiglia borghese. Il padrone di casa, Hoon, la seduce, ne fa la sua amante, e la vita di tutta la casa vacilla.
I riferimenti spaziano da Hitchcock a Jane Eyre, passando per Secretary e sfiorando il marchese De Sade. Giallo e noir si intrecciano in una spirale melodrammatica, sofisticata e inquietante. Il film si apre con il suicidio scioccante di una giovane donna che si tuffa dal balcone di un palazzo sullo sfondo di una città moderna, affollata e indifferente.
Tra suspence, erotismo e violenza, il regista ci conduce verso un finale a tinte forti in cui ogni innocenza è perduta.
Debole l`interpretazione dell`unico maschio al centro degli intrighi femminili, Lee Jung-jae, attore molto noto in patria. Bravissima invece Jeon Do-youn nel ruolo della dolce ma forte Eun-yi, vittima del sistema ma in fondo unico personaggio libero del film. La sola che non si sottomette mai e che alla fine non è una serva.
 
Francesca Bani
 
 

Lascia un commento