Tekken | Una produzione Usa-Giappone

Dal videogame il film di Dwight H. Little | Con Jon Foo

La civiltà come la conosciamo è stata distrutta e al suo posto è nato un ordine mondiale anti-utopico dove il controllo del pianeta è nelle mani di sette Corporation onnipotenti. L`America è governata dalla potentissima e totalitaria Tekken e dal suo amministratore delegato Heihachi Mishima (Cary-Hiroyuki Tagawa) dalla propria sede centrale nella capitale Tekken City. Chi vive fuori dalle mura della metropoli lotta per la sopravvivenza, tra paura e disperazione, nella più totale emarginazione.
Jin (Jon Foo) è tra questi, un giovane senza speranza e con un solo desiderio: vendicare sua madre (Tamyln Tomita) e uccidere l`uomo che ne ha causato la morte. Per far questo deve sconfiggere i più grandi lottatori del mondo e vincere il Torneo Pugno di Ferro. Il suo viaggio lo porterà a scoprire quel passato che sua madre aveva tentato di nascondergli, proiettandolo in un futuro che minaccia di lacerarlo…
 
Tekken, il videogame prodotto dalla Namco Bandai, amato da pubblico e critica, prende così vita sul grande schermo. In un nuovo mondo risorto dalle ceneri di una civiltà distrutta, i combattimenti tra gladiatori hanno sostituito le guerre tradizionali e lottatori spietati si affrontano per la supremazia globale. Durante il più grande torneo della storia, un giovane guerriero combatte per realizzare il suo destino.
 
La trama non è male, purtroppo la pellicola non rende giustizia al gioco. Gli adattamenti di videogame sono diventati sempre più diffusi, ma non tutti arrivano ad essere Resident Evil o Tomb Raider. Recitazione scadente e script inesistenti spesso sono il cuore di pellicole in cui una cornice di effetti speciali e combattimenti dignitosi non basta a cancellare superficialità e scene che sfiorano il ridicolo.
La regia è di Dwight H. Little (Bones, Delitto alla Casa Bianca, Free Willy 2) orientato più al mondo televisivo non brilla per capacità registica.
 
L’eroe è Jon Foo, attore semisconosciuto, inglese di origini cinesi e irlandesi, maestro di Wushu. Appassionato di arti marziali ha partecipato al film d`azione tailandese The Protector – La legge del Muay Thai. Kelly Overton, la protagonista femminile, si fa notare soprattutto per le belle forme.
 
Francesca Bani

Lascia un commento