La grande truffa. De Niro nei panni di Bernard Madoff

Robert De Niro/Bernard Madoff | Prossimo progetto HBO

Dopo il successo della miniserie  Too Big To Fail, sul dietro le quinte dei disperati tentativi del ministro del tesoro di Bush, Henry Paulson, e della Federal Reserve di salvare dal fallimento la Lehman Brothers, l’emittente via cavo americana ci riprova con un altro grande scandalo finanziario: la maxi- truffa di Bernard Madoff.  La HBO ha infatti acquistato i diritti del libro “Verità e conseguenze: la vita dentro la famiglia di Madoff”, scritto dalla giornalista free lance Laurie Sandell.  

A vestire i panni del truffatore dei record, l’autore di una delle più incredibili, colossali e catastrofiche frodi finanziarie mai montate sui mercati finanziari, sarà Robert De Niro. Le celebri performance dell’attore americano in ruoli di mafiosi e gangster lo rendono pressoché perfetto, al di là della somiglianza fisica, per interpretare la parte un uomo che dal nulla è riuscito a creare una delle più controverse realtà della finanza creativa americana, l’industria degli hedge funds (i cosiddetti fondi speculativi).  

La straordinaria truffa portata avanti dalla Bernard Madoff Investement Securities è stata costruita con il metodo delle piramidi finanziarie, un meccanismo fraudolento con cui si crea una sorta di catena finanziaria nella quale vengono garantite performance eccellenti e a breve termine solo ai primi clienti, grazie ai soldi investiti da quelli arrivati in un secondo momento, e così via. E` il classico castello costruito sulla sabbia. Il metodo è tristemente noto anche come schema Ponzi, da Carlo Ponzi, un immigrato italiano che con un sistema simile realizzò negli anni Venti un’altra truffa memorabile.  

Bernard Madoff passerà alla storia non solo come il finanziere americano che è riuscito a truffare il mondo rubando 50 miliardi di dollari ai suoi clienti, tra cui alcune banche a rilevanza mondiale e nomi illustri del cinema, come Kevin Bacon e Steven Spielberg, ma anche come uno dei principali responsabili del crollo delle borse nel 2008 e della conseguente crisi economica. Condannato a 150 anni di carcere, l’ex re di Wall Street ha visto andare in frantumi anche la sua vita familiare. In seguito al suicidio del primogenito Mark, la moglie Ruth ha ormai da tempo tagliato i ponti con il marito e nel tentativo di riabilitare la sua figura e quella della sua famiglia ha partecipato attivamente, insieme all’altro figlio Andrew, alla stesura della biografia dalla quale sarà tratto il film. La scrittura della relativa sceneggiatura è stata affidata a John Burnham Schwartz, già acclamato autore del libro "Reservation Road", da cui nel 2007 è stato tratto l’omonimo film con Joaquin Phoenix.   

Il prossimo successo targato HBO sarà prodotta dalla TriBeCa Productions, la casa di produzione cinematografica e televisiva fondata nel 1989 dallo stesso Robert De Niro e da Jane Rosenthal.  

Monica Straniero

 

Lascia un commento