Italy: love it, or leave it. Andarsene o restare?

Un film di Gustav Hofer e Luca Ragazzi | Da oggi nelle sale

Sono tanti gli italiani – soprattutto giovani – che ogni giorno scelgono di lasciare l’Italia e tanti quelli che, al contrario, decidono di restare. Nato per rispondere alla domanda del perché così tanti giovani lasciano il Paese, Italy: love it or leave it è il titolo di un brillante documentario disponibile da lunedì 26 dicembre su iTunes, sia in vendita che in video-on-demand distribuito da Under the Milky Way.

Realizzato da due giovani documentaristi, già autori de Improvvisamente l’inverno scorso, Gustav Hofer e Luca Ragazzi, il film, che ha sbancato il Milano Film Festival (Premio del Pubblico e Premio della Giuria), è un viaggio inchiesta in un’Italia nascosta che non viene raccontata né dalla tv né dai telegiornali. Gustav e Luca sono, appunto, una coppia di italiani: il primo, di Bolzano, madrelingua tedesca, si sente poco italiano e crede che andarsene sia la cosa migliore da fare. Luca, romano, ottimista e propositivo, pensa invece che in fondo il Paese sia pieno di buoni motivi per restare. Prima di prendere una decisione definitiva, i due amici decidono di intraprendere un viaggio di sei mesi attraverso la Penisola per capire se è ancora possibile tornare ad innamorarsi dell’Italia oppure è meglio emigrare come hanno fatto tantissimi loro amici.

Durante il viaggio a bordo di una sgangherata Cinquecento d`epoca, in ricordo di un’Italia di altri tempi, Gustav e Luca sembrano giocare una partita di tennis. Il primo cerca di convincere il secondo ad andare a vivere a Berlino e quindi gli mostra tutte le cose che non funzionano in Italia. Luca invece decide di fargli vedere gli aspetti positivi del Paese e dei suoi abitanti, molti dei quali sono persone che ogni giorno conducono una battaglia per rendere l’Italia un posto migliore. Dai cassaintegrati della Fiat ai volontari che prestano assistenza agli immigrati di Rosarno, dai testimoni di giustizia siciliani agli ambientalisti in Campania.

I due autori non si risparmiano su nulla e raccolgono testimonianze anche di volti noti al grande pubblico per il loro impegno civile. Come lo scrittore Andrea Camilleri, l`inventore di Slow Food Carlo Petrini, il Governatore della Puglia Nichi Vendola. E ancora, la regista Loredana Zanzardo, che combatte l`atteggiamento passivo del genere femminile alla  mercificazione del corpo della donna, e l`attrice Loredana Simioli, che ha scelto l`ironia per raccontare (e affrontare) i problemi della sua Napoli. Italy: love it or leave it quindi è un documentario "on the road", con un finale a sorpresa, che con ironia e obiettività racconta i problemi  dell’Italia di oggi, senza lasciare che la rassegnazione e la rabbia abbiano la meglio sulla decisione di fare comunque la propria parte per cercare di cambiare le cose. Perché, come dice Camilleri nel film, andarsene sarebbe come disertare.

Monica Straniero

 

Lascia un commento