Finalmente maggiorenni, ecco la teen comedy inglese

Teen Comedy made in U.K. | Dal 4 gennaio al cinema

Spin-off di una serie televisiva britannica di grande successo, creata da Damon Beesley e Iain Morris e andata in onda tra il 2008 e il 2010, Finalmente maggiorenni rinfresca la formula ben collaudata del film sugli adolescenti che partono per la prima vacanza senza l’assillante presenza di mamma e papà e con grandi aspettative. Diretto dal regista Ben Palmer, questo film in sala dal 4 gennaio si sarebbe potuto intitolare anche “British Pie” visto che riporta in auge un genere tanto in voga negli anni ’80 ed in parte accantonato. Chi non ricorda la saga di American Pie, iniziata nel lontano 1999, dove quattro ragazzi provenienti dal Michigan iniziano il loro viaggio per perdere la verginità?

Ed anche in Finalmente Maggiorenni quattro ragazzi di periferia, sfigati, non troppo belli e in piena tempesta ormonale, partono per il mitico viaggio. Stanno per andare a Malia, la meravigliosa località di Creta, dove hanno intenzione di trascorrere tutto il tempo nei club, a bere a volontà e a cercare di soddisfare il proprio appetito sessuale con le ragazze del posto. Inutile dirlo, alla fine le cose non andranno come previsto ma, morale della storia, i quattro ragazzi troveranno comunque un modo per non rimanere i patetici di sempre, ritrovarsi cresciuti e riscoprire il valore dell’amicizia.

Insomma niente di nuovo sotto il sole anche se il filone made in Usa all’insegna del politicamente scorretto trova ancora una volta conferma in una commedia decerebrata e senza inibizioni che scorre veloce tra gag di dubbio gusto, come l`immancabile defecata fuori posto, battute volgari e scene di nudo esplicite. Unica eccezione, forse, l’occhialuto intellettuale di turno che con il suo umorismo stile British, irriverente e sopra le righe, descrive, da manuale degli stereotipi, la tipica vacanza dei giovani inglesi all`estero. Resta da capire se un film fatto nel più becero divertimento possa piacere anche al pubblico italiano, in particolare quello giovanile. Forse il successo de I Soliti Idioti potrebbe dare più di una risposta anche se scopriamo, che ci piaccia o no, che Francesco Mandelli e Fabrizio Biggio, rispetto ai protagonisti di Finalmente maggiorenni, risultano addirittura meno idioti e scurrili. 

Monica Straniero
 

Lascia un commento