Cannes: Ruggine e ossa di Audiard, amore e dolore

Ruggine e ossa (De rouille et d’os) è il titolo del film di Jacques Audiard, autore di Il profeta, presentato in concorso ieri sera a Cannes. Ispirato ad alcuni racconti di Craig Davidson, il film racconta la storia di Ali (Matthias Schoenaerts), senza casa, senza lavoro e con un figlio a carico, e di Stephanie (Marion Cotillard), un’istruttrice di orche conosciuta in una rissa che, poco dopo il loro incontro, subirà l’amputazione di entrambe le gambe in seguito ad un incidente in piscina. “E’ una riconciliazione anche con l’amore”, sottolinea il regista, che torna in concorso due anni dopo il Grand Prix ottenuto con Il profeta. Nonostante la competizione sia aperta solo da due giorni, c’è già chi crede che l’interpretazione della Cotillard mutilata non lascerà indifferente la giuria.

Lascia un commento