Festival di Roma 2012. Torna Alice nella città: nuova, autonoma e parallela

Un Daily per il cinema, interazioni con la Libreria del Cinema, un programma ricco di opere autentiche e semplici: sono le novità di “Alice nella città”, sezione del Festival Internazionale del Film di Roma, in programma dal 9 al 17 novembre presso l’Auditorium Parco della Musica, e dedicata alle pellicole che esplorano e indagano il mondo giovanile. Sostenuta dal MiBAC – Direzione Generale per il Cinema – e patrocinata dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, dalla Provincia di Roma e dalla Camera di Commercio di Roma, per la VII edizione e con la nuova rivoluzionaria direzione di Marco Muller, “Alice nella città” torna ad essere una sezione parallela e autonoma.

E proprio il cambiamento rispetto alle passate edizioni è il leitmotiv che ha caratterizzato la presentazione di Gianluca Giannelli, Direttore Artistico della Sezione: «“Alice nella città” vuole essere qualcosa di più – ha precisato in occasione della conferenza stampa di lunedì – stiamo costruendo un nuovo progetto che porti il cinema nelle scuole. Un cinema nuovo e giovanissimo in grado di raccogliere un cinema di ragazzi, con nuove linee di programma come “Gli anni in tasca”».

Per questa edizione sono previsti quattordici film in concorso, cinque anteprime mondiali e sei opere prime, provenienti da Argentina, Belgio, Brasile, Cile, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Spagna, Singapore, Danimarca, UK e Usa e caratterizzate da una voglia di autenticità e di raccontare storie semplici. In programma tra le opere di giovani registi italiani, Pulce non c’è di Giuseppe Bonito, chiaramente contento di essere presente in questa sezione, considerata da lui come la più interessante e coraggiosa del Festival. Il suo è un viaggio nella dimensione dell’altro. Tratto da un romanzo autobiografico, è stata girato con un approccio documentaristico e incentrato sull’altero ruolo di Pulce e Giovanna, una sorella malata e sana, protagoniste della storia.

Alessandra Alfonsi

Lascia un commento