The Golden Temple. Vacua incursione nei backstage di Londra 2012

The Golden Temple, ovvero tutto quello che avreste voluto/potuto sapere sui retroscena delle Olimpiadi di Londra 2012 e che qui non saprete. Il primo docu-lungometraggio di Enrico Masi, prodotto da Caucaso Factory con la partecipazione di Aplysia, è infatti un’occasione sprecata. La macchina da presa ci conduce nell’East End di Londra stravolto e rigenerato dalla grande vetrina sportiva ed economica degli ultimi giochi olimpici, i terzi ospitati all’ombra del Big Ben. Masi dà voce a chi questa “rigenerazione” l’ha patita e vissuta, tra slancio e delusione.

C’è Mike che vive su una barca nei canali industriali della città dopo che la sua casa è stata abbattuta per far posto al nuovo villaggio olimpico; c’è l’evangelizzatore ghanese Ben che biasima il corso degli eventi umani e del capitalismo dominante; c’è il business man John che sottolinea la portata imprenditoriale del mega-restauro urbano e l’entusiasta guida turistica Sue che decanta la rinascita di questo dimenticato angolo di Londra. Si parla della costruzione di Westfield, il più grande centro commerciale d’Europa che è “corridoio” preferenziale e obbligatorio verso le arene sportive, ma anche delle radiazioni nascoste ed emerse sotto il nuovo stadium e della rovina di tutti quei piccoli(ssimi) esercizi commerciali schiacciati ed isolati dai cantieri. Ma sono solo parole, parole, parole. Masi zooma sui volti delle persone fino quasi a saturare l’intera cornice dello schermo, ma non sui fatti, sulle prove “scientifiche” e fattive del “monstrum” olimpico. Si rimane alla superficie di qualche emozione qua e là, in uno standard diffuso di “normale amministrazione” che non stupisce né sconvolge come previsto, sperato, annunciato in apertura di pellicola. Fare le nozze coi fichi secchi, si sa, è dura.

Nelle parole del magnetico imbonitore religioso Ben ritorna più volte la parabola della casa che, costruita sulla sabbia, cadrà. The Golden Temple è, e duole dirlo, privo di basi solide, restando facciata scarna di un tempio dorato che nasconde, dietro il vuoto di esili impalcature, tanto fumo, tanto rumore (per nulla).

Tommaso Tronconi

Lascia un commento