RiaceInFestival, quarta edizione. Entro il 10 giugno

Scade il 10 giugno il bando di partecipazione a RiaceInFestival, festival delle migrazioni e delle culture locali di Riace (RC). Si tratta di una manifestazione nata sull’onda della politica di accoglienza e reinsediamento dei rifugiati e richiedenti asilo politico che l’amministrazione comunale del paese dei Bronzi sta attuando da alcuni anni con risultati molto positivi.

Il concorso è suddiviso in due sezioni:

– sezione “Migranti e culture locali”. Storie ed esperienze di migranti nonché inchieste e ricostruzioni su ciò che cambia nella società, nella politica e nella cultura a seguito dei fenomeni migratori, sia nei paesi di origine che di destinazione. Una particolare attenzione verrà riposta alle migrazioni che avvengono nel bacino del Mediterraneo, alla condizione di vita di migranti e rifugiati politici nei paesi di transito e di destinazione e a positive esperienze di integrazione sociale. Il concorso vuole dare spazio anche ad opere che abbiano come tema la salvaguardia delle culture, ivi compresa la cultura materiale, delle lingue e delle tradizioni locali che in piccoli paesi come Riace si sta realizzando grazie all’apporto dei Nuovi Cittadini. L’ opera vincitrice della sezione verrà proiettate in una serata del festival.
Durata massima 30’ – I video possono essere inviati solamente su supporto DVD.

– sezione “Cortometraggi Ambiente ”. In Collaborazione con l’Associazione Comuni Virtuosi e con il Moffe Monnezza Filmfest e l’Associazione AriaNova Onigo di Pederobba (Treviso) Ambiente come risorsa. Ambiente come rispetto della natura. Conservazione della  biodiversità. Sostenibilità ambientale. Come ridurre i nostri rifiuti. Storie di buone pratiche. Storie di denuncia. I rifiuti, sostanze e oggetti che vengono scartati dall’uomo nell’ambiente una volta utilizzati. Ogni oggetto che possediamo diventerà rifiuto o produce rifiuti. Un fazzoletto di carta dura nell’ambiente 4 settimane, un mozzicone di sigaretta 2 anni, una bottiglia di plastica fino a 1000 anni. E’ importante conoscerli e differenziarli avviandoli ad un corretto smaltimento per evitare di ritrovarceli dalla discarica 2 all’ambiente. La raccolta differenziata è il metodo più economico ed ambientalmente sostenibile di gestire i rifiuti. Il suo indotto crea occupazione sul territorio, valorizza ciò che scartiamo veicolando anche un messaggio sociale importante, inquina poco, è facilmente controllabile dai cittadini stessi e, cosa molto importante, permette di recuperare dal 65 al 85% dei rifiuti solidi urbani. Mille modi per riciclare, per inquinare meno per evitare di alimentare il grande business dei rifiuti spesso gestiti dalla mafia Durata massima 20’ – I video possono essere inviati solamente su supporto DVD.

PREMI
Concorso Migranti
1° Premio Euro 500,00
2° Premio delle botteghe solidali
Concorso Cortometraggi sul tema dell’Ambiente
1° Premio Euro 500,00
2° Premio delle botteghe solidali

Lascia un commento