Campi Flegrei Webseriesfest, la parola agli organizzatori

Dopo il successo dell’anno scorso, la vostra rassegna torna il prossimo ottobre con una nuova veste, cosa la differenzia da altri festival del settore?

I festival sono vetrine che dovrebbero aiutare a diffondere la cultura della contaminazione e del dialogo. Un ruolo essenziale all’interno di questi lo hanno le giurie, le quali dovrebbero sempre operare libere da preconcetti per essere in grado di apprezzare al massimo e saper premiare sempre talento, passione e meriti dei videomaker. La grande novità di quest’anno è l’introduzione della sezione dedicata ai videogiochi, evento questo realizzato in collaborazione con Vigamus e grazie al quale sono state istituite varie categorie di premi.

Il vostro festival si è distinto nel 2013 all’interno del panorama nazionale per l’alta qualità della giuria, tutti professionisti di vari settori del cinema e della tv. Quali sono i nomi di questa nuova edizione?

Be’, come già detto, la giuria per noi è importante e quest’anno ne avremo due: per le web serie il presidente sarà Marcello Masi, uno degli innovatori del tg nazionale, mentre per i videogame il presidente sarà Marco Accordi Rickards, docente universitario di comunicazione e giornalista. Tra i vari giurati nelle due sezioni avremo poi Maurizio Merluzzo, Roberto Buffa, Paolo Cupola,Spartaco Albertarelli, Marco Giusti, Laura Ratchev.

L’anno scorso il tema portante dell’intera manifestazione era il sogno e la “professione” di sognatori, quest’anno, invece, si parlerà soprattutto di abbattimento delle barriere che, ahimè, troppo spesso internet stesso contribuisce ad elevare. Volete parlarcene?

Le differenze: questo è il tema che quest’anno affronteremo poiché crediamo che le discriminazioni nascano dall’errato utilizzo della parola “differenziarsi”. Lo slogan 2014 infatti sarà “Io con te non contro di te”, grazie al quale toccheremo temi scottanti quali la discriminazione e il fenomeno del cyberbullismo e cercheremo di illustrare ai ragazzi che il web è un luogo virtuale di aggregazione che non va usato come mezzo di contrapposizione per denigrare chi è diverso da noi, bensì dovrebbe essere vissuto come una piazza dove sin da piccoli s’impara a stare insieme.

Tra le varie sezioni in concorso quest’anno avrete anche quella dedicata ai fanmovie il cui giudizio sarà affidato ad una commissione targata WAU. Vuoi parlarci della nascita di questa collaborazione?

WAU è una di quelle associazioni che solo il web poteva partorire: tante piccole realtà che si uniscono per far nascere progetti sempre più collettivi e che al tempo stesso tutelino chi opera in questo nuovo modo di far cinema. A loro abbiamo affidato la categoria dei fanmovie, che è un particolare modo di omaggiare filmicamente capolavori e classici del cinema, della tv, dei comics e dei videogames. Campi Flegrei Webseries Fest si terrà dal 18 al 19 ottobre 2014, abbiamo scelto come location una discoteca molto sui generis l’Ennenci, nata dalla riqualificazione di un capannone industriale, nell’ottica di un’importante metafora di rinascita.

Lascia un commento