Sarà un Paese? Il viaggio della speranza attraverso lo sguardo di un bambino

Come racconteresti l’Italia a un bambino? Il giovane regista Nicola Campiotti, al suo primo lungometraggio, lo fa attraverso una docu-fiction, che guarda alla forma di un saggio filosofico, profuso di speranza e di umanità. I bambini allora continuano a guardarci e proprio come Pricò, protagonista dell’indimenticabile pellicola di De Sica, in Sarà un Paese, è lo sguardo, profondo, onirico e intenso del piccolo Elia di dieci anni, nato a Roma da genitori iraniani, a condurci fuori dal tunnel e a farci ritornare alle origini.

Alla disperazione, rassegnazione e disillusione del fratello maggiore, emblema dei molti laureati italiani costretti per necessità e per sopravvivenza a fare il babysitter, fanno da contraltare gli occhioni neri, grandi e aperti del fratellino, che rappresentano e racchiudono la speranza di tutti gli italiani rimasti in patria e immigrati all’estero. Elia, nella sua innocenza e bontà, tipica dei bambini, conduce tutte le generazioni, perdute, sconfitte e in lotta, verso la rinascita: è il Virgilio di un viaggio terreno alla scoperta dell’Italia, della sua bellezza, arte e cultura seguendo le tracce dell’eroe fenicio Cadmo, cui il mito attribuisce l’introduzione in Grecia dell’alfabeto. Nel suo viaggio Elia incontra altre anime pure e candide: altri bambini, come Matilde e Anok, ed insieme a loro si strugge per i molti problemi italiani. Ma l’inquinamento ambientale, le morti sul lavoro, la disoccupazione giovanile, la fuga all’estero dei giovani laureati e l’illegalità – come ha precisato il regista – sono solo uno spunto di riflessione per i più giovani e non esauriscono o completano i temi che la pellicola si propone di esplorare.

Sarà un Paese, sostenuto dall’UNICEF per l’alto valore del messaggio contenuto e in sala dal 20 novembre grazie al circuito di Distribuzione Indipendente, è stato presentato in anteprima al Giffoni Film Festival e rappresenta una meritevole opera prima da guardare con speranza.

Alessandra Alfonsi

Lascia un commento