I Cavalieri dello Zodiaco, al cinema un mito dell’animazione giapponese

Non solo Capitan Harlock e Dragon Ball Z, ma anche i capolavori del maestro Miyazaki, tornati pian piano sui grandi schermi italiani grazie al prezioso lavoro di distribuzione della Lucky Red, e adesso la rivisitazione di un altro classico dell’animazione firmato Toei: I Cavalieri dello Zodiaco – La leggenda del grande tempio. Per la prima volta in grafica 3D (CGI), il film rilegge in chiave moderna il manga originale di Saint Seiya, pubblicato su Weekly Shonen Jump dal 1985 al 1990. Divenuto fin da subito un fenomeno di culto per il suo inedito mix di mitologia greca e segni zodiacali, I Cavalieri dello Zodiaco, venduto in 34 milioni di copie, ha dato vita ad una popolarissima serie tv trasmessa in oltre 80 paesi – tra cui l’Italia – conquistando ragazzi e ragazze di tutto il mondo.

Il film diretto da Sato Keiichi (regista della serie animata giapponese Tiger & Bunny e del live action movie Black Butler – Kuroshitsuji, protagonista un diabolico maggiordomo), vanta la collaborazione (in qualità di produttore esecutivo) di Kurumada Masami, ideatore del manga originale. È stato presentato in anteprima mondiale al Festival di Annecy nel giugno 2014 per sbarcare nelle sale giapponesi alla fine dello stesso mese festeggiando così i 40 anni di carriera del suo creatore Kurumada. In Italia arriva nei cinema domani, 8 gennaio. Saint Seiya: Legend of Sanctuary (questo il titolo originale della pellicola) narra – prendendosi alcune libertà rispetto all’originale – le avventure dei sacri guerrieri dotati delle armature di bronzo e guidati da Seiya di Pegasus che combattono in difesa di una giovane e inconsapevole Atena.

Fin dai tempi del Mito, i Cavalieri dello Zodiaco sono i paladini della speranza, sempre pronti a intervenire ogni volta che il Male minaccia il mondo. Molti anni dopo la Guerra Sacra che si è combattuta nel Grande Tempio, la vita della giovane Lady Isabel di Thule scorre tranquilla, finché un giorno la ragazza non scopre la sua vera identità: è lei l’incarnazione della dea Atena. Vittima di un agguato omicida, viene salvata da un Cavaliere di Bronzo, un ragazzo di nome Pegasus. Dopo questo drammatico episodio, Isabel, non senza difficoltà, accetta il proprio destino e la propria missione, e decide di recarsi al Grande Tempio con Pegasus e gli altri Cavalieri di Bronzo. Nel luogo dove da 16 anni viene venerata una falsa Atena, I Cavalieri dello Zodiaco affronteranno colui che si fregia del titolo di Grande Sacerdote e i suoi seguaci, ingaggiando una fiera, e a tratti disperata, battaglia contro i Cavalieri più nobili e potenti: i leggendari Cavalieri d’Oro.

Francesca Bani

Lascia un commento