Le novità del Centro Sperimentale di Cinematografia in attesa dell’anno Fellini

Tutti possono fare del cinema? Per il Centro Sperimentale di Cinematografia, la scuola che offre ai giovani la possibilità di intraprendere la carriera cinematografica, sì: tanto da costituirne l’incipit, perentorio e categorico, del filmato di presentazione. E per celebrare i cento anni dalla sua fondazione ne ha realizzato un altro, sempre in bianco e nero, che rimanda nello stile e nel linguaggio ai cinegiornali e ricorda come è stato realizzato il “triangolo cinematografico nato alla periferia di Roma”: l’Istituto Luce, il Centro Sperimentale di Cinematografia e gli studi di Cinecittà.

Ma i cento anni non sono festeggiati solo in questo modo perché sono previste molte novità: “Si tratta di novità di restyling legate all’immagine, e di novità strutturali, solide: nuovi spazi, nuovi edifici e nuovi strumenti di comunicazione che permetteranno al Centro Sperimentale e a tutte le sue attività – la Cineteca, la Scuola nazionale di cinema, la biblioteca Luigi Chiarini, la CSC Production – di essere più visibili e più trasparenti”, come ha voluto sottolineare Felice Laudadio.

Non sono previste, tuttavia, soltanto novità legate agli aspetti grafici come il sito, il logo della Fondazione CSC con la versione animata a cura di Maurizio Nichetti, la nuova sala cinematografica con 340 posti e una nuova sede, ma grazie alla consulenza di Filippo Roviglioni saranno restaurati un elenco di titoli italiani, come Ultimo Tango a Parigi di Bernardo Bertolucci, Non c’è pace tra gli ulivi di Giuseppe De Santis, Dillinger è morto di Marco Ferrari e Miseria e nobiltà di Mario Mattoli, che saranno presentati alle Giornate professionali di Sorrento.

“Siamo il Centro Sperimentale”, ha precisato Laudadio, “vogliamo sperimentare questa possibilità. Un restauro costa mediamente circa 100mila euro, è doveroso renderlo pubblico. E speriamo che il clamoroso ritorno in sala di ‘Ultimo tango’ possa fare da traino a questa iniziativa”.

Alessandra Alfonsi

Lascia un commento