BISOGNA ARMARSI DI SANTA PAZIENZA CON “MEKTOUB, MY LOVE” (MA CI SONO I CORPI DELLE FANCIULLE: KECHICHE APPREZZA)

L’angolo di Michele Anselmi Bisogna armarsi di una certa pazienza di fronte al nuovo film di Abdellatif Kechiche, il cui titolo, abbastanza enigmatico e non semplice da ricordare, suona “Mektoub, My Love: Canto Uno”. Classe 1960, tunisino, Palma d’oro cinque anni fa a Cannes con lo scandaloso e potente “La vita di Adele”, Kechiche ha […]

VENDETTA O RISCATTO? IN OGNI CASO “DOGMAN” È UN BEL FILM. PER GARRONE LE VERE BESTIE NON SONO I CANI MA GLI UOMINI

L’angolo di Michele Anselmi  Pare chiaro, vedendo “Dogman”, che per Matteo Garrone i veri animali da cui stare alla larga non sono i cani ma gli esseri umani. Del resto è lo stesso regista, sceso in campo al festival di Cannes col suo nuovo film, il nono, a spiegare: “All’origine c’è una suggestione visiva, un […]

“PARIGI A PIEDI NUDI”, UNA FAVOLA DA FILM MUTO PENSANDO A TATI. MA LA COSA MIGLIORE È UNA CANZONCINA: “SWIMMING SONG”

L’angolo di Michele Anselmi  La “commedia burlesque” è un genere rischioso: basta poco perché il tono buffo scivoli nella gag fine a se stessa, perché la leggerezza poetica si traduca in gioiosa inconsistenza. “Parigi a piedi nudi”, firmato Abel & Gordon, cioè Dominique Abel e Fiona Gordon, lui belga e lei canadese, appartiene alla famiglia. […]

Il Codice del Babbuino. Un noir tosto e toccante sulla giustizia fai-da-te

È ancora possibile che in uno Stato di diritto, che vanta uno dei dettati costituzionali più avanzati e democratici, si ricorra ancora alla “giustizia-fai-da-te”? Ai metodi arcaici ed obsoleti, ai tipici metodi di giustizia in uso nelle civiltà antiche “dell’occhio per occhio-dente per dente”, come sostiene proprio il Tibetano, uno dei personaggi che in Il […]

“RIMETTI A NOI I NOSTRI DEBITI”: NETFLIX MEGLIO DELLA SALA? IL RECUPERO CREDITI COME ROBA DEL DIAVOLO, PROBABILMENTE

L’angolo di Michele Anselmi Continuo a pensare che il regista Antonio Morabito abbia ragione: non tutti i film sono fatti per il grande schermo, spesso l’uscita tardiva o sfortunata si porta dietro una desolante umiliazione per attori e autori, il pubblico non è curioso verso la maggior parte dei film italiani. Quindi? È stata una […]

PARTIRE INCENDIARI E FINIRE POMPIERI? PER IL TERZO SEGRETO DI SATIRA UNA COSA È CERTA: “SI MUORE TUTTI DEMOCRISTIANI”

L’angolo di Michele Anselmi  Il collettivo noto come “Il Terzo Segreto di Satira” andrebbe ringraziato, se non altro, per il tono birichino e informale col quale sta lanciando il suo primo lungometraggio: “Si muore tutti democristiani”, nelle sale da giovedì 10 maggio. Attivo dal 2011 perlopiù sul web e in tv, il gruppo ha pensato […]

SE “LORO 1” TENDEVA AL NERO, “LORO 2” PUNTA TUTTO SUL ROSSO. IL MATCH TRA SILVIO E VERONICA RISCATTA LA SECONDA PARTE

L’angolo di Michele Anselmi  In fondo Paolo Sorrentino ha ragione. Evocando un celebre motto di Raymond Radiguet, dice in sostanza che lo stile di un artista, anche la sua originalità, consiste nella maniera in cui copia i capolavori portandovi i propri difetti. In realtà nessuno, certamente non io, gli aveva rimproverato di aver imitato Scorsese, […]

Dall’Ungheria con dolore. “1945” di Török tocca con semplicità la complessità tragica dell’olocausto

Da Homecoming, racconto breve di Gábor T. Szántó, il regista ungherese Ferenc Török e lo stesso scrittore hanno tradotto una storia semplice in un’idea più complessa. 1945, in sala dal 3 maggio, porta con sé il peso della tragicità legata agli orrori della guerra. Di questo film, sulle vicende quotidiane di un paesino alla fine […]

“L’ISOLA DEI CANI” DI WES ANDERSON: NON SONO SOLO PUPAZZI. UNA DELIZIA PER GLI OCCHI, UN GRAN RACCONTO SULL’INGIUSTIZIA

L’angolo di Michele Anselmi  La verità? A costo di essere fucilato sul posto per lesa maestà e vilipendio del “Master”, confesso di preferire il cinofilo Wes Anderson al cinefilo Paul Thomas Anderson. Portano entrambi lo stesso cognome, sono americani, l’uno del 1969, l’altro del 1970, abbastanza eccentrici e poco prolifici, nel senso che ogni loro […]

A Beautiful Day – You Were Never Really Here. Un iconico Phoenix nel nuovo film di Lynne Ramsay

C’è una scena particolarmente commovente in questo A Beautiful Day – You Were Never Really Here che ricorda da vicino una sequenza presente in I’m Still Here, mockumentary diretto da Casey Affleck pochi anni fa che ha segnato una svolta nella carriera di Joaquin Phoenix. Il filmino familiare dell’immersione in un laghetto del giovanissimo Joaquin […]