DOPO IL PREMIO A CANNES ARRIVA NELLE SALE “LAZZARO FELICE”. URGE SOSPENSIONE DELL’INCREDULITÀ, MA LA FIABA È TOCCANTE

L’angolo di Michele Anselmi  Fu l’inglese Samuel Taylor Coleridge a coniare l’espressione “sospensione dell’incredulità” nel lontano 1817, intendendo “un particolare carattere semiotico che consiste nella volontà, da parte del lettore o dello spettatore, di sospendere le proprie facoltà critiche allo scopo di ignorare le incongruenze secondarie e godere di un’opera di fantasia” (da Wikipedia). Consiglio […]

DENZEL WASHINGTON (63 ANNI): ATTORE TITANICO E CANGIANTE. VEDETELO IN “END OF JUSTICE”, STORIA DI UN AVVOCATO IDEALISTA

L’angolo di Michele Anselmi  Trovo Denzel Washington un attore titanico, non solo perché è alto quasi un metro e 90. Dovunque lo metti, crea un’atmosfera speciale: film d’azione e western, drammi familiari e storie processuali, biografie e storie di impianto teatrale. Un attore cangiante e carismatico allo stesso tempo, pure un discreto regista, che si […]

MEGLIO VIVERE DI RIMORSI O DI RIMPIANTI? DIBATTITO APERTO. DALLA FRANCIA “L’ARTE DELLA FUGA”, UN TITOLO MICA MALE

L’angolo di Michele Anselmi  La domanda vera posta dal film è la seguente: meglio avere rimorsi o rimpianti? “L’arte della fuga”, Bach non c’entra, gira per quasi 100 minuti attorno a questo dilemma. Girata nel 2015 tra qualche incespico produttivo, fa fede una frase di Rivette sui titoli di coda, la commedia di Brice Cauvin […]

BENEDETTO SODERBERGH: OGNI TANTO SALUTA, POI CI RIPENSA. “LA TRUFFA DEI LOGAN”: QUANDO I RAPINATORI SONO 7 BURINI

L’angolo di Michele Anselmi  Ogni tanto Steven Soderbergh, oggi 55enne, annuncia di voler chiudere col cinema. Per fortuna non mantiene la promessa. Negli Stati Uniti è appena uscito un suo film, “Unsane”, un thriller sui temi dello stalking girato in una settimana o poco più con un I-Phone; e intanto arriva nelle sale italiane con […]

ESCE “LA SETTIMA ONDA”: SE IL PESCATORE È UN GRAN CINEFILO. IL FILM È DEL 2015: MA NON SEMPRE I RIPESCAGGI FANNO BENE

L’angolo di Michele Anselmi Forse certi ripescaggi, per restare al tema e all’ambientazione del film, non sempre fanno bene. Esce ora con Ipnotica Distribuzioni, benché datato 2015, “La settima onda” di Massimo Bonetti, classe 1951, attore eclettico e garbato, capace di intensi affondi drammatici, ma regista assai didascalico e dallo stile incespicante. “La settima onda” […]

CON DOGMAN, GARRONE COMPLETA UNA “TRILOGIA DELL’OMBRA”

Esiste sempre nei film di Matteo Garrone un’immensa zona d’ombra che domina ogni intravisto barlume di luce e speranza, sia a livello concreto, della messinscena e della fotografia, sia a livello metaforico. Dal 2002, col suo primo successo in concorso alla “Quinzaine des Réalisateurs”, L’imbalsamatore, Garrone ha realizzato un film più bello dell’altro. Dopo l’ossessione […]

BISOGNA ARMARSI DI SANTA PAZIENZA CON “MEKTOUB, MY LOVE” (MA CI SONO I CORPI DELLE FANCIULLE: KECHICHE APPREZZA)

L’angolo di Michele Anselmi Bisogna armarsi di una certa pazienza di fronte al nuovo film di Abdellatif Kechiche, il cui titolo, abbastanza enigmatico e non semplice da ricordare, suona “Mektoub, My Love: Canto Uno”. Classe 1960, tunisino, Palma d’oro cinque anni fa a Cannes con lo scandaloso e potente “La vita di Adele”, Kechiche ha […]

VENDETTA O RISCATTO? IN OGNI CASO “DOGMAN” È UN BEL FILM. PER GARRONE LE VERE BESTIE NON SONO I CANI MA GLI UOMINI

L’angolo di Michele Anselmi  Pare chiaro, vedendo “Dogman”, che per Matteo Garrone i veri animali da cui stare alla larga non sono i cani ma gli esseri umani. Del resto è lo stesso regista, sceso in campo al festival di Cannes col suo nuovo film, il nono, a spiegare: “All’origine c’è una suggestione visiva, un […]

“PARIGI A PIEDI NUDI”, UNA FAVOLA DA FILM MUTO PENSANDO A TATI. MA LA COSA MIGLIORE È UNA CANZONCINA: “SWIMMING SONG”

L’angolo di Michele Anselmi  La “commedia burlesque” è un genere rischioso: basta poco perché il tono buffo scivoli nella gag fine a se stessa, perché la leggerezza poetica si traduca in gioiosa inconsistenza. “Parigi a piedi nudi”, firmato Abel & Gordon, cioè Dominique Abel e Fiona Gordon, lui belga e lei canadese, appartiene alla famiglia. […]

Il Codice del Babbuino. Un noir tosto e toccante sulla giustizia fai-da-te

È ancora possibile che in uno Stato di diritto, che vanta uno dei dettati costituzionali più avanzati e democratici, si ricorra ancora alla “giustizia-fai-da-te”? Ai metodi arcaici ed obsoleti, ai tipici metodi di giustizia in uso nelle civiltà antiche “dell’occhio per occhio-dente per dente”, come sostiene proprio il Tibetano, uno dei personaggi che in Il […]