BISOGNA ARMARSI DI SANTA PAZIENZA CON “MEKTOUB, MY LOVE” (MA CI SONO I CORPI DELLE FANCIULLE: KECHICHE APPREZZA)

L’angolo di Michele Anselmi Bisogna armarsi di una certa pazienza di fronte al nuovo film di Abdellatif Kechiche, il cui titolo, abbastanza enigmatico e non semplice da ricordare, suona “Mektoub, My Love: Canto Uno”. Classe 1960, tunisino, Palma d’oro cinque anni fa a Cannes con lo scandaloso e potente “La vita di Adele”, Kechiche ha […]

Festival dei Diritti Umani. A colloquio con Giancarlo Bosetti, segretario generale di una manifestazione unica

Il tema della terza edizione del Festival dei Diritti Umani (che si è svolto dal 20 al 24 marzo scorsi alla Triennale di Milano) è stato la devastazione della Terra e di come questo saccheggio continui ad incidere sui diritti umani: inquinamento, profughi ambientali, impazzimento climatico ma anche i segnali della consapevolezza di una necessaria […]

VENDETTA O RISCATTO? IN OGNI CASO “DOGMAN” È UN BEL FILM. PER GARRONE LE VERE BESTIE NON SONO I CANI MA GLI UOMINI

L’angolo di Michele Anselmi  Pare chiaro, vedendo “Dogman”, che per Matteo Garrone i veri animali da cui stare alla larga non sono i cani ma gli esseri umani. Del resto è lo stesso regista, sceso in campo al festival di Cannes col suo nuovo film, il nono, a spiegare: “All’origine c’è una suggestione visiva, un […]

IL MIGLIOR FILM DI EMANUELE CRIALESE? FORSE L’OTTAVA PUNTATA DI “TRUST – IL CASO GETTY”, IN ONDA IERI SERA SU SKY ATLANTIC

L’angolo di Michele Anselmi  Che fine ha fatto Emanuele Crialese? Il regista romano (classe 1965) non gira un film dal 2011, l’anno del suo quarto lungometraggio, “Terraferma”. S’è preso una lunga pausa creativa, ma nel frattempo ha girato l’ottavo episodio della serie “Trust – Il caso Getty”, andato in onda ieri sera, mercoledì 16 maggio, […]

“PARIGI A PIEDI NUDI”, UNA FAVOLA DA FILM MUTO PENSANDO A TATI. MA LA COSA MIGLIORE È UNA CANZONCINA: “SWIMMING SONG”

L’angolo di Michele Anselmi  La “commedia burlesque” è un genere rischioso: basta poco perché il tono buffo scivoli nella gag fine a se stessa, perché la leggerezza poetica si traduca in gioiosa inconsistenza. “Parigi a piedi nudi”, firmato Abel & Gordon, cioè Dominique Abel e Fiona Gordon, lui belga e lei canadese, appartiene alla famiglia. […]

Il Codice del Babbuino. Un noir tosto e toccante sulla giustizia fai-da-te

È ancora possibile che in uno Stato di diritto, che vanta uno dei dettati costituzionali più avanzati e democratici, si ricorra ancora alla “giustizia-fai-da-te”? Ai metodi arcaici ed obsoleti, ai tipici metodi di giustizia in uso nelle civiltà antiche “dell’occhio per occhio-dente per dente”, come sostiene proprio il Tibetano, uno dei personaggi che in Il […]

“RIMETTI A NOI I NOSTRI DEBITI”: NETFLIX MEGLIO DELLA SALA? IL RECUPERO CREDITI COME ROBA DEL DIAVOLO, PROBABILMENTE

L’angolo di Michele Anselmi Continuo a pensare che il regista Antonio Morabito abbia ragione: non tutti i film sono fatti per il grande schermo, spesso l’uscita tardiva o sfortunata si porta dietro una desolante umiliazione per attori e autori, il pubblico non è curioso verso la maggior parte dei film italiani. Quindi? È stata una […]

Editori e librai contro Amazon

Al salone del libro di Torino, sempre in lotta con Milano, quest’anno ci sarà una sorpresa. Per celebrare i 200 anni del capolavoro di Mary Shelley, Frankenstein, in una villa verranno rinchiusi 4 scrittori col compito di scrivere un racconto di ghost. Forse una scelta più allegorica che letteraria, per alludere al fantasma che si […]

DOMANI ESCE “LORO 2”, ANDRÀ MEGLIO O PEGGIO DI “LORO 1”? LA PRIMA PARTE, A OGGI, È A QUOTA 3 MILIONI E 318 MILA EURO

L’angolo di Michele Anselmi Uscito il 24 aprile in quasi 500 copie, “Loro 1”, cioè la prima parte del dittico di Paolo Sorrentino su Silvio Berlusconi e il suo mondo di potenti e aspiranti-potenti, ha incassato fino ad oggi, mercoledì 9 maggio, 3 milioni e 318 mila euro. Non è un segreto che i produttori […]

ADDIO A ERMANNO OLMI: CINEMA SPIRITUALE E REALISTA INSIEME. QUANDO NEL 2011 DIVENTÒ LA “BESTIA NERA” DELLA DESTRA

L’angolo di Michele Anselmi «Vorrei dire ai cattolici di ricordarsi più spesso di essere anche cristiani». Non l’avesse mai fatto. Quando uscì, nel 2011, il suo film “Il villaggio di cartone”, non tra i più riusciti, Ermanno Olmi fu bersagliato dai quotidiani di centrodestra, pure definito «a un passo dall’eresia». In particolare Paolo Granzotto, proprio […]