OH CHI SI RIVEDE? “TI SPIEZZO IN DUE”, OVVERO IVAN DRAGO. IN “CREED II” STALLONE FA UN ROCKY SAGGIO E PATERNO

L’angolo di Michele Anselmi Non so voi, ma la cosa che mi diverte di più nei film su Rocky è l’allenamento. Si arriva sempre a un momento, nell’incedere della storia, in cui il pugile in cartellone deve ripartire da zero, ripudiando mollezze e agi, per ritrovare quello che un tempo veniva chiamato “lo sguardo della […]

INTANTO LA CANZONE, POI IL FILM

L’angolo di Michele Anselmi Questa struggente canzone dello scomparso Billy Preston, il file qui sopra, chiude un gran bel film americano che esce la settimana prossima, il 24 gennaio, con Lucky Red: si chiama “Se la strada potesse parlare” di Barry Jenkins, il regista di “Moonlight” (in originale il titolo suona “If Beale Street Could […]

TORNA MARIA STUARDA: GIOVANE, BELLA, SENSUALE (DECAPITATA).  MA FORSE LA VERA PROTAGONISTA È LA RIVALE ELISABETTA

L’angolo di Michele Anselmi La leggenda vuole che Mary Stuart, per noi italiani Maria Stuarda, abbia offerto il proprio collo alla mannaia del boia vestita di rosso, come i martiri cattolici, pronunciando queste parole in latino: “In manus tuas, Domine, commendo spiritum meum” (ovvero: “Signore, nelle tue mani affido il mio spirito”). Era l’8 febbraio […]

TIENI PIU A LUI O AL TUO DOLORE? L’ENIGMA MARGUERITE DURAS. “LA DOULEUR”, NON SI CAPISCE PERCHÉ IL TITOLO IN FRANCESE

L’angolo di Michele Anselmi  Non capirò mai. Il libro di Marguerite Duras dal quale è tratto il film è stato regolarmente tradotto e pubblicato in Italia nel 1985, da Feltrinelli, col titolo “Il dolore”. Ma il film che ne ha appena tratto il regista 57enne Emmanuel Finkiel da noi si chiama “La douleur”, in francese, […]

WhataStar! Intervista a Ferzan Özpetek sul primo social talent

Regista di culto con all’attivo titoli come La finestra di fronte, Mine vaganti e Napoli velata, Ferzan Özpetek ci ha parlato di WhataStar!, “il primo social talent”, un’app dall’interfaccia semplice e veloce per aspiranti attori e cantanti, un’opportunità rivolta a chiunque voglia dimostrare le proprie capacità artistiche. Attenzione: Özpetek userà l’app per il casting del suo prossimo, […]

C’È UN GRANDE FILM DA NON PERDERE: “UNA NOTTE DI 12 ANNI”. URUGUAY NERO 1973-1985: QUANTO PUÒ RESISTERE UN UOMO?

L’angolo di Michele Anselmi  Ne uscirono vivi, sia pure con il corpo spezzato dagli stenti, ma ancora capaci di intendere e di volere. Un miracolo. Perché dopo dodici anni di segregazione dura, ai limiti dell’umana sopportazione, tra privazioni assolute, carceri a rotazione, fame, sete e malattie, molti non avrebbero resistito a quel macabro esperimento, a […]

IN ATTESA DI GLASS, RIANNODIAMO I FILI DELLO SHYAMALANVERSE

Come nei migliori racconti di formazione, la carriera di M. Night Shyamalan si è resa protagonista di un percorso accidentato e ricco di difficoltà. Dopo il clamoroso debutto con Il sesto senso, che gli ha fruttato il contratto più remunerativo che sia mai stato strappato ad una major, e gli eccellenti risultati raggiunti da Signs […]

Il potere della fantasia. “I piccoli maghi di Oz”, il nuovo esperimento di Luigi Cozzi

Il nuovo corso del cinema di Luigi Cozzi è quanto di più libero si possa immaginare. A due anni da Blood on Méliès’ Moon, il regista che meglio di chiunque altro in Italia ha studiato, filmato, amato la fantascienza torna al cinema con I piccoli maghi di Oz, un progetto che ha diverse consonanze con il […]

MINIERO FA UNA COMMEDIA PER FAMIGLIE. RIDATECI DE ANDRÉ (UN GORILLA TROPPO UMANO E UNA FAMIGLIA TROPPO FESSA)

L’angolo di Michele Anselmi  Era il 1968: Fabrizio De André, traducendo una maliziosa e anarcoide ballata di Georges Brassens, cantava “Il gorilla”, il cui ritornello faceva, i più agé ricorderanno: “Attenti al gori-i-i-i-illa”. Nel film che Luca Miniero manda nelle sale giovedì 10 gennaio, prodotto da Wildside e Warner Bros. Italia, non si accenna al […]

GUAGLIANONE VIAGGIA NEL TEMPO: “NON CI RESTA CHE IL CRIMINE”. LA COSA MIGLIORE? I SOPRANNOMI DELLA BANDA (MAGLIANA)

L’angolo di Michele Anselmi  Il viaggio nel tempo è un classico del cinema popolare. Offre spunti gustosi, diverte lo spettatore, agevola lo spaesamento dei personaggi, altera alcuni tracciati della Storia, scherza con le epoche, gli oggetti, il destino. Non sorprende che lo sceneggiatore più indaffarato del cinema italiano, Nicola Guaglianone, firmi dunque, insieme al fedele […]