Lavori in corso

Stiamo lavorando per migliorare la navigazione di Cinemonitor. Tra qualche giorno, saremo di nuovo online con una nuova veste. 

DAL MAROCCO UN FILM CHE SFIDA IL RELATIVISMO CULTURALE. “SOFIA”: LE PERIPEZIE (UN PO’ “SOAP”) DI UNA RAGAZZA MADRE

L’angolo di Michele Anselmi Alla faccia del relativismo culturale, che spesso giustifica l’ingiustificabile in materia di condizione femminile, sarà utile vedere “Sofia”, il film marocchino scritto e diretto dall’esordiente Meryem Benm’Barek, nelle sale da giovedì 14 marzo con Cineclub Internazionale Distribuzione. In quel Paese affacciato sul Mediterraneo vige ancora un articolo del Codice penale, il […]

IL SENSO DELLA VITA SECONDO LUCHETTI (PENSANDO A LUBITSCH). QUEI “MOMENTI DI TRASCURABILE FELICITÀ” TRA CIELO E TERRA

L’angolo di Michele Anselmi “Un caffè lungo, ma non troppo lungo: giusto” sentiamo dire a un certo punto. Gli italiani con il caffè sono come i francesi col formaggio. Incontentabili. Fantasiosi. Pure quando debbono confrontarsi con la morte che incombe, anzi è già arrivata, se non fosse per una deroga miracolosa che offre una seconda […]

XX festival del cinema Europeo a Lecce, “attrazione per il territorio”

Sabato 9 marzo nella sala “Giuseppe Bertolucci” del Cinelab al Cineporto di Lecce, sono state presentate alcune anticipazioni della XX edizione del Festival del Cinema Europeo alla presenza di Loredana Capone, assessore Industrie Turistiche e Culturali della Regione Puglia, Simonetta Dellomonaco, presidente di Apulia Film Commission, Alberto La Monica, direttore del Festival del Cinema Europeo […]

UNA RAGAZZA NERA CONTRO TUTTI: “IL CORAGGIO DELLA VERITÀ”. TRA DILEMMA MORALE, RAZZISMO STRISCIANTE E ODIO DIFFUSO

L’angolo di Michele Anselmi Era in buona misura intraducibile il titolo originale “The Hate U Give”. Così il film del cineasta afro-americano George Tillman Jr, passato alla Festa del cinema di Roma 2018, esce nelle sale giovedì 14 marzo, targato 20th Century Fox, come “Il coraggio della verità”. Chissà se troverà un suo pubblico. Il […]

La fuga. La solitudine delle opere prime

La fuga è l’opera prima della regista Sandra Vannucchi e come tale rappresenta un atto di coraggio a prescindere dalla compiutezza dell’opera stessa. Per un piccolo lungometraggio low cost non è facile arrivare sul grande schermo, così come non è facile per un produttore e un distributore assumersi il rischio di portare avanti un progetto […]

DIVENTARE BOSS DELLA DROGA A 17 ANNI E FINIRE ALL’ERGASTOLO. NON È UNA PASSEGGIATA “COCAINE”, STORIA DI WHITE BOY RICK

L’angolo di Michele Anselmi Occhio alla frase più emblematica del film: “Siamo leoni e un leone non lascia mai il Serengeti” (la mitica pianura africana, ndr). La pronuncia il padre scombinato Richard Wershe nella Detroit immiserita dalla crisi economica dei primi anni Ottanta: tra droga, povertà e abbandono, mentre il freddo incombe, l’uomo, smerciando Kalashnikov […]

“I VILLEGGIANTI”, IL NUOVO CAPITOLO DELLA SAGA DI FAMIGLIA. VALERIA BRUNI TEDESCHI PER LA SERIE: “CIAO, COME STO?”

L’angolo di Michele Anselmi per Cinemonitor È prerogativa dei grandi autori rifare un po’ sempre lo stesso film, sia pure con sfumature diverse. A occhio Valeria Bruni Tedeschi non appartiene alla categoria, anche se continua a misurarsi con la regia. Così eccola al suo quarto lungometraggio, passato fuori concorso alla Mostra di Venezia e ora […]

UN POLIZIOTTO SOLO AL TELEFONO, UNA DONNA SEQUESTRATA. DALLA DANIMARCA “IL COLPEVOLE”: THRILLER TUTTO SUL FILO

L’angolo di Michele Anselmi Dura il giusto “Il colpevole – The Guilty”, cioè 85 minuti, come certi thriller di una volta. L’ha scritto e diretto un regista svedese di 31 anni, Gustav Möller, deciso a dimostrare che si può fare un film con un solo personaggio, per tutto il tempo al telefono. D’accordo, l’esercizio di […]

Karenina & I. Sulle tracce dell’eroina di Tolstoj, un docu-film ambizioso e riuscito

Co-prodotto da Liam Neeson, qui anche interprete di brani dal celebre romanzo di Tolstoj, Karenina & I non è solo il ritratto della odierna e vasta Russia, percorsa in treno per la lunghezza di undicimila chilometri dall’attrice Gørild Mauseth, ma anche lo specchio del vissuto della donna e del personaggio che andrà ad interpretare a […]