“La porta sui mondi”, nuovo volume del progetto “Il cinema di fantascienza”: ai posti di partenza per il 1950

La nascita del cinema di fantascienza (1895-1919), Gli anni d’oro del cinema di fantascienza (1920-1929), L’orizzonte perduto del cinema di fantascienza (1930-1939), Sul sentiero dei mostri atomici (1940-1941), Il cinema di fantascienza tra Batman… Superman e le crociere siderali (1942-1944), Il cinema di fantascienza e l’atomo infinito (1945-1947), Frankenstein contro Superman (1948) sono i titoli […]

“LA BALLATA DI BUSTER SCRUGGS” SOLO SU NETFLIX (NIENTE SALE). I COEN HANNO FATTO DI MEGLIO MA L’ANTOLOGIA WESTERN MERITA

L’angolo di Michele Anselmi Da venerdì 16 novembre, ma solo sulla piattaforma Netflix (niente sale cinematografiche mirate), si può vedere il nuovo film dei fratelli Coen, “La ballata di Buster Scruggs”, premiato alla recente Mostra di Venezia per la migliore sceneggiatura. Non entro qui nella polemica su Netflix, i film da far uscire o non […]

“Edgar Allan Poe. Al cinema, in Tv e nell’immaginario”. In libreria il nuovo saggio di Giovannini e Tentori

Conversazione con Fabio Giovannini e Antonio Tentori su “Edgar Allan Poe. Al cinema, in Tv e nell’immaginario”, in libreria per Profondo rosso, saggio che prende in analisi la figura del genio di Boston in relazione con i media e la percezione del pubblico. Il solco indelebile tracciato dall’opera del grande autore americano, spesso in grado […]

“RED ZONE”, CHE FATICA SCORTARE UN TESTIMONE PER 22 MIGLIA (MA CONSIGLIO DI NON PRENDERE SUL SERIO I DILEMMI ETICI)

L’angolo di Michele Anselmi  Direi di non prendere troppo sul serio “Red Zone – 22 miglia di fuoco”, magari tirando in ballo dilemmi etici, visioni disturbanti, senso del patriottismo e scenari geo-politici. Il nuovo film di Peter Berg, nelle sale dal 15 novembre con Lucky Red, è un action movie di quelli che vanno visti […]

Bernini, genio del baracco. Quando la pietra diventa carne

Fino al 14 novembre Magnitudo e Chili distribuiscono in sala il primo di una lunga serie di documentari dedicata all’arte. L’onore di aprire le danze a questa iniziativa spetta a Gian Lorenzo Bernini, nato a Napoli il 7 dicembre 1598, massimo esponente del barocco (assieme al suo storico rivale Borromini) attraverso le arti della scultura […]

VINCENT LINDON, UN ATTORE PRODIGIOSO. E SEMPRE “IN GUERRA”. CRONACA DI UNA LOTTA SINDACALE, PER SPIEGARE LA RABBIA

L’angolo di Michele Anselmi  È ammirevole, davvero, il percorso artistico di Vincent Lindon, classe 1959, rampollo di una famiglia dell’alta borghesia francese, ex fidanzato di Carolina di Monaco e per questo finito su tutte le riviste di gossip all’epoca del loro tormentato amore. Di film in film, ne ha girati più di cinquanta, Lindon ha […]

RITROVARSI VERGINI AL MATRIMONIO NEL 1963: UN GROSSO GUAIO. “CHESIL BEACH”, ANCORA MCEWAN. IL FILM È SOTTILE: PIACERÀ?

L’angolo di Michele Anselmi  Non saprei dire se “Chesil Beach” sia “il capolavoro di Ian McEwan”, come recita lo strillo di lancio del film tratto da quel romanzo, ma so che lo scrittore britannico va forte al cinema. È appena uscito nelle sale, con buon esito commerciale, “The Children Act – Il verdetto” di Richard […]

LA VELISTA E IL NAUFRAGO: BEL FILM TEDESCO IN MEZZO AL MARE. MA PERCHÉ “STYX” E NON STIGE SE LA METAFORA È QUELLA?

L’angolo di Michele Anselmi “Styx” sta per Stige. Sì, uno dei cinque fiumi degli inferi, secondo la mitologia greca e romana poi ripresa da Dante; esso si estendeva in nove grandi meandri, a formare la palude Stigia, che ostacolava la via per arrivare al vestibolo dell’oltretomba. Perché non tradurre il titolo del film tedesco di […]

UN PICCOLO-GRANDE FILM DA VEDERE: “SENZA LASCIARE TRACCIA”. IL PADRE E LA FIGLIA NELLA FORESTA, FELICI: FINO A QUANDO?

L’angolo di Michele Anselmi  Oggi 8 novembre escono ben undici film: una follia. Non li ho visti tutti nemmeno io, che pure sono del ramo, figurarsi uno spettatore normale. Nel novero delle proposte ce n’è una che consiglierei di non perdere per nessuna ragione al mondo: “Senza lasciare traccia” della 55enne regista americana Debra Granik, […]

CHE FATICA SALVARE IL MONDO DA UN SOMMERGIBILE NUCLEARE. BUTLER, CHE FU LEONIDA, LUPO DI MARE CON “HUNTER KILLER”

L’angolo di Michele Anselmi Il presidente russo somiglia un po’ al nostro comico Max Tortora, pure per altezza; mentre Gerald Butler sembra una copia sbiadita di Russell Crowe, anche perché da noi i due hanno la stessa voce, quella di Luca Ward. Ciò detto, a non prenderlo sul serio come invece fa “la Repubblica” parlando […]