100autori e organizzazioni professionali per una manifestazione unitaria il 9 dicembre


Per la prima volta insieme, 100Autori, Agis, Anica, Federculture,  Slc – Cgil, Fistel – Cisl, Uilcom – Uil, organizzazioni nazionali professionali e sindacali di quanti operano nello spettacolo e nei beni culturali, convocano una
MANIFESTAZIONE PUBBLICA
GIOVEDI 9 DICEMBRE ORE 11,00 SALA CAPRANICHETTA PIAZZA MONTECITORIO ROMA
Nell’imminenza dell’adozione di provvedimenti fondamentali, in approvazione presso il Governo e il Parlamento, per denunciare il forte rischio di una  gravissima crisi del settore , prossima ormai alla definitiva irreversibilità, e per illustrare le esigenze e le proposte degli operatori. Alla manifestazione pubblica sono stati invitati esponenti del Governo e rappresentanti di tutte le forze politiche. “E’ giunto il momento – dichiarano gli organizzatori – di un’azione forte e unitaria per scongiurare la débacle del settore e riconoscere la cultura come elemento centrale nelle scelte della programmazione economica e di sviluppo del Paese. Su questo chiamiamo le Istituzioni, il Governo e le forze politiche ad un confronto per un’assunzione di responsabilità verso le imprese, i lavoratori, i cittadini”.

Qui di seguito  riportiamo il testo del comunicato stampa relativo alla manifestazione.

 
SPETTACOLO E BENI CULTURALI: ULTIMO APPELLO
CRESCONO LE ADESIONI. SETTE PUNTI PER SOPRAVVIVERE
Sono numerose e stanno crescendo in queste ore le adesioni di artisti, imprenditori, lavoratori di cinema e di teatro, esponenti dei beni culturali, e rappresentanti politici che parteciperanno alla MANIFESTAZIONE PUBBLICA convocata unitariamente per giovedì 9 dicembre a Roma (sala Capranichetta, piazza Montecitorio, ore 11,00) da Agis, Anica, 100 Autori, Federculture,  Slc – Cgil, Fistel – Cisl, Uilcom – Uil.
Nel corso della manifestazione saranno sottoposti ai rappresentanti di tutte le Istituzioni sette punti consideratifondamentali per la sopravvivenza dello spettacolo e della cultura in Italia.
La “Carta del Capranichetta” prevederà, tra l’altro, il reintegro del Fus 2011 almeno ai livelli del 2008 (471 milioni di euro), il rinnovo e il rifinanziamento di tax credit e tax shelter per il cinema, in scadenza il 31 dicembre prossimo, il ripristino dei fondi destinati al 5 per mille, l’adozione di misure urgenti per la difesa del lavoro di centinaia di migliaia di addetti.
La MANIFESTAZIONE PUBBLICA convocata dalle organizzazioni nazionali professionali e sindacali di quanti operano nello spettacolo e nei beni culturali intende rivolgere un ULTIMO APPELLO a Governo, Parlamento e Istituzioni nell’imminenza dell’adozione di provvedimenti fondamentali per il settore sul quale incombe il forte rischio di una  crisi gravissima.
“Chiamiamo le Istituzioni, il Governo e le forze politiche – dichiarano gli organizzatori – ad un confronto per un’assunzione di responsabilità verso le imprese, i lavoratori, i cittadini”.
Mappa non disponibile

Date/Time
Date(s) - 09/12/2010
All Day

Location

Category(ies) No Categorie

Lascia un commento