Bif&st – Bari International Film&TV Festival `11


Bari, Roma, Venezia | Il triangolo del cinema italiano

Con l’aggiunta della città di Bari, a quella di Roma e Venezia, si chiude il triangolo delle città più quotate del cinema italiano. Sebbene la kermesse veneziana abbia una tradizione storica e artistica ben consolidata alle spalle e quella romana anche, la tradizione cinematografica barese dimostra attraverso la sua seconda edizione del Bif&st di saper prendere quota rispettando la qualità artistica dei prodotti e privilegiando la sua funzione didattica. La kermesse pugliese è l’occasione giusta per festeggiare il cinema e per imparare a distinguere il valore artistico intrinseco da quello puramente formale, estetico e legato alla cronaca rosa. Definiremo così il Bif&st il ‘festival del cinema e per il cinema’. Ad oggi, è la prima manifestazione settentrionale a farsi strada tra quelle più importanti del Sud e oltre a svolgere una funzione didattica rilevante – come evidenzia il direttore artistico Felice Laudadio, durante la conferenza stampa – svolge una funzione culturale ed economica importante per il nostro territorio e per la società. ‘Gli stessi concetti, ribaditi da Ettore Scola fanno del programma del Bif&st un programma monumentale, intento ad alimentare le intelligenze e rispondere ad un desiderio di cultura’ – sottolinea il direttore artistico.

Le vere star della manifestazione sono i film proposti a cifre modiche, con questo si tende ad avvicinare tutti al mondo del cinema, dagli studenti agli addetti ai lavori. Il Bif&st, inoltre, nella sua edizione 2011 ospita la più grande rassegna personale dedicata a Giuseppe Tornatore. Oltre ai tributi, qui al Bif&st è possibile assistere a lezioni di recitazione, lezioni di cinema, mostre. Il calendario presenta un’infinità di ospiti e novità, tra questi troviamo Domenico Procacci, al quale sono state date, lo scorso 22 Gennaio le chiavi della città di Bari dallo stesso sindaco Michele Emiliano.

La Puglia, in questo modo, rimette al centro delle attenzioni mediatiche l’utilizzo della cultura e la sua fruizione, non solo esplica la vivacità intellettuale dei suoi stessi cittadini i quali con dedizione e dovizia credono e lavorano per il cinema e l’arte, dimenticando il ruolo che occupa quest’ultima nello scenario nazionale. Gli ultimi dati, infatti, riportano un incremento delle creazioni cinematografiche e artistiche in Puglia e un decremento in Emilia Romagna. Tra le due regioni italiane sembrano essersi invertiti i ruoli. Se negli anni ’70 il cinema era dei romagnoli, adesso è dei pugliesi. Sono i cittadini con le loro caratteristiche a rendere unica e vincente la loro regione e questa ne è l’ultima dimostrazione. Il Bif&st, a differenza dell’evento cinematografico berlinese, premia il cinema italiano e ne evidenzia la sua importanza. Basta pensare che in Germania non ci siano, ad oggi, pellicole italiane in gara. Siamo rappresentati da Albanese e De Gregorio i quali non concorrono per la vittoria del premio finale. Per chiudere, il direttore artistico, ha ricordato che il film dei fratelli Coen con cui si aprirà la loro kermesse doveva essere dei nostri a Bari, così non è stato perché gli amici tedeschi ci hanno portato via l’esclusiva, all’ultimo momento. Il Bif&st continuerà fino al prossimo 29 Gennaio.

Annalisa Colavito

 

Mappa non disponibile

Date/Time
Date(s) - 23/01/2011 - 30/01/2011
All Day

Location

Category(ies) No Categorie

Lascia un commento