Civita Film Fest, si apre oggi. Omaggi a Il sorpasso e a Ayrton Senna


Il motore del cinema | Comunicato stampa

Protagonisti della seconda edizione del Civita Fim Fest, dall’8 al 10 luglio a Civita di Bagnoregio (VT) saranno anche Il Sorpasso di Dino Risi, per dare spazio a luoghi della memoria mai dimenticati e il docu-film su Senna. Pochi film della storia del cinema italiano rappresentano in modo così riuscito ed intelligente il senso del tempo al quale appartengono come Il Sorpasso di Dino Risi, che resta un’irripetibile fotografia dell’Italia, del boom economico dei primi anni Sessanta con un Vittorio Gassman strepitoso nel ruolo dell’italiano medio di cui incarna soprattutto i vizi e le debolezze. Con lui e Jean Louis Trintignant, protagonista del film è anche la mitica Lancia Aurelia B24, un’automobile “cult” come il film che l’ha lanciata: era uscita dalle officine Lancia nel 1956 e rappresentava perfettamente il simbolo di un’idea di eleganza e modernità, perfetta per un protagonista sopra le righe, superficiale e ammalato di velocità come il Gassman alla guida. Certamente anche per quella scelta, insieme ad un modo di raccontare l’Italia e gli italiani apparentemente leggero, in realtà caustico alla maniera della commedia italiana migliore di quegli anni Il sorpasso, contro ogni previsione del regista e dei produttori, che avevano girato con pochissimi mezzi ebbe un successo straordinario, non solo in Italia ma in tutto il mondo.

Solo due anni fa, aprendo una prestigiosa rassegna dedicata a Risi al MoMa di New York ha strappato ancora una volta un lungo applauso agli americani che lo apprezzano fin dall’uscita con il titolo “Easy Life” , “Vita Facile”, – o meglio: “Una vita vissuta con leggerezza” – e proprio quel modo di raccontare il viaggio è stato una dichiarata ispirazione per il road movie per eccellenza: Easy Rider, film che nel 1969 decretò la nascita della nuova Hollywood e del cinema indipendente americano. Non è un mistero che Dennis Hopper e Peter Fonda, autori e protagonisti di Easy Rider, abbiano sempre dichiarato di dover qualcosa del loro successo proprio a Risi e a Il Sorpasso. E quel piccolo film di Dino Risi è entrato non solo nella storia del cinema come un autentico capolavoro ma nell’immaginario e nella memoria degli spettatori come un autentico film-mito, capace di raccontare come pochi i vizi e gli appetiti di un italiano medio, nell’Italia dei primi soldi facili e di un benessere rappresentato da un auto simbolo.

Diverso il senso del Docu-film “Senna”, realizzato dal regista inglese Asif Kapadia, un racconto nel quale è centrale invece il tema della sfida che, attraverso la storia del più grande campione nella storia della formula uno, racconta, attraverso la macchina, quanto sia stretto il rapporto tra l’uomo e il motore nell’attimo della sfida estrema e nelle gare. Un film rievocativo, che , con i e immagini di repertorio mai mostrate prima, racconta un uomo e il suo personalissimo rapporto con il motore. Piccola nota di cronaca, la famiglia di Ayrton Senna, per la prima volta dal 1994, anno della scomparsa, ha accordato il consenso alla realizzazione di quest’omaggio filmato.

Mappa non disponibile

Date/Time
Date(s) - 08/07/2011 - 10/07/2011
All Day

Location

Category(ies) No Categorie

Lascia un commento