Con le ore contate. Il cinema di Elio Petri al Trevi


Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, Cinema Trevi 12 – 16 febbraio |  Con le ore contate. Il cinema di Elio Petri

Dal 12 al 16 febbraio, la Cineteca Nazionale propone una rassegna sul cinema di denuncia, ma non solo, di Elio Petri, regista capace di trascendere la realtà con l’arma del grottesco, ma anche di cogliere con sensibilità i mutamenti sociali in atto.

La rassegna si ripropone di rintracciare la varietà espressiva e narrativa dell’opera di questo autore ripartendo proprio dai film meno noti come il film d’esordio L’assassino, che anticipa il poliziesco, o il fantascientifico La decima vittima fino all’ossessionante Buone notizie che, accostati ai capolavori conclamati (Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto, La classe operaia va in paradiso, La proprietà non è più un furto, A ciascuno il suo) fanno emergere la complessità e l’originalità del cinema di Petri. 

 

Programma delle proiezioni:

 

venerdì 12 febbraio ore 17.00

 

Nasce un campione (1954)

Regia: Elio Petri; fotografia: Pasqualino De Santis, Arturo Zavattini; operatore: Angelo Baistrocchi; origine: Italia; produzione: E. Petri, P. De Santis, A. Zavattini; durata: 11’

 

a seguire

L’assassino (1961)

Regia: Elio Petri; soggetto: Tonino Guerra, E. Petri; sceneggiatura: Pasquale Festa Campanile, Massimo Franciosa, E. Petri, T. Guerra; fotografia: Carlo Di Palma; scenografia: Carlo Egidi; costumi: Graziella Urbinati; musica: Piero Piccioni; montaggio: Ruggero Mastroianni; interpreti: Marcello Mastroianni, Micheline Presle, Cristina Gajoni, Salvo Randone, Andrea Checchi, Giovanna Gagliardo; origine: Italia/Francia; produzione: Titanus, Vides Cinematografica, S.G.C.; durata: 98’

Vietato ai minori di anni 16

 

ore 19.00

Alta infedeltà (1964)

Regia: Franco Rossi, Elio Petri, Luciano Salce, Mario Monicelli; soggetto e sceneggiatura: Age & Scarpelli, Ruggero Marcelli, Ettore Scola; fotografia: Ennio Guarnieri, Gianni Di Venanzo (per Gente moderna); scenografia: Gianni Polidori, Mario Garbuglia (per Gente moderna); costumi: Lucia Mirisola; interpreti: Nino Manfredi, Fulvia Franco, Charles Aznavour, Claire Bloom, Monica Vitti, Ugo Tognazzi; origine: Italia/Francia; produzione: Documento Film, S.P.C.E.; durata: 121’

Vietato ai minori di anni 18

 

ore 21.15

La proprietà non è più un furto (1973)

Regia: Elio Petri; soggetto e sceneggiatura: E. Petri, Ugo Pirro; fotografia: Luigi Kuveiller; scenografia e costumi: Gianni Polidori; musica: Ennio Morricone; montaggio: Ruggero Mastroianni; interpreti: Ugo Tognazzi, Flavio Bucci, Daria Nicolodi, Mario Scaccia, Orazio Orlando, Julien Guiomar; origine: Italia/Francia; produzione: Quasars Film Company, Labrador Films, Studio du Dragon, S.N. Cinévog; durata: 137’

Vietato ai minori di anni 14

 

 

sabato 13 febbraio ore 16.30

 

La decima vittima (1965)

Regia: Elio Petri; soggetto: dal racconto La 7ª vittima di Robert Sheckley; sceneggiatura: Ennio Flaiano, Tonino Guerra, Giorgio Salvioni, E. Petri; fotografia: Gianni Di Venanzo; scenografia: Piero Poletto; costumi: Giulio Coltellacci; musica: Piero Piccioni; montaggio: Ruggero Mastroianni; interpreti: Marcello Mastroianni, Ursula Andress, Elsa Martinelli, Salvo Randone, Massimo Serato, Milo Quesada; origine: Italia/Francia; produzione: Compagnia Cinematografica Champion, Les Films Concordia; durata: 90’

 

ore 18.10

I giorni contati (1962)

Regia: Elio Petri; soggetto: Tonino Guerra, E. Petri; sceneggiatura: E. Petri, T. Guerra, Carlo Romano; fotografia: Ennio Guarnieri; scenografia: Giovanni Checchi; costumi: Graziella Urbinati; musica: Ivan Vandor; montaggio: Ruggero Mastroianni; interpreti: Salvo Randone, Franco Sportelli, Regina Bianchi, Paolo Ferrari, Vittorio Caprioli, Marcella Valeri; origine: Italia; produzione: Titanus, Metro; durata: 99’

Vietato ai minori di anni 16

 

ore 20.00

A ciascuno il suo (1967)

Regia: Elio Petri; soggetto: dal romanzo omonimo di Leonardo Sciascia; sceneggiatura: Ugo Pirro, E. Petri; fotografia: Luigi Kuveiller; scenografia: Sergio Canevari; costumi: Luciana Marinucci; musica: Luis Enriquez Bacalov; montaggio: Ruggero Mastroianni; interpreti: Gian Maria Volonté, Irene Papas, Gabriele Ferzetti, Laura Nucci, Mario Scaccia, Luigi Pistilli; origine: Italia; produzione: Cemofilm; durata: 93’

 

ore 21.45

Ipotesi sulla morte di Pinelli – Materiale n. 2 (1970)

Regia: Elio Petri; montaggio: Raimondo Crociani; interpreti: Luigi Diberti, Renzo Montagnani, Gian Maria Volonté; origine: Italia; produzione: Unitelefilm per conto del Comitato cineasti italiani contro la repressione; durata: 14’

 

a seguire

Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto (1970)

Regia: Elio Petri; soggetto e sceneggiatura: Ugo Pirro, E. Petri; fotografia: Luigi Kuveiller; scenografia: Carlo Egidi; costumi: Angela Sammaciccia; musica: Ennio Morricone; montaggio: Ruggero Mastroianni; interpreti: Gian Maria Volonté, Florinda Bolkan, Gianni Santuccio, Orazio Orlando, Sergio Tramonti, Arturo Dominici; origine: Italia; produzione: Vera Film; durata: 115’

Vietato ai minori di anni 14

 

domenica 14 febbraio ore 17.00

 

Un tranquillo posto di campagna (1968)

Regia: Elio Petri; soggetto: Tonino Guerra, E. Petri; fotografia: Luigi Kuveiller; scenografia: Sergio Canevari; costumi: Franco Carretti; musica: Ennio Morricone; montaggio: Ruggero Mastroianni; interpreti: Franco Nero, Vanessa Redgrave, Georges Geret, Gabriella Grimaldi, Madeleine Damien, Rita Calderoni; origine: Italia/Francia; produzione: P.E.A., Produzioni Associate Delphos, Productions Artistes Associés; durata: 107’

Vietato ai minori di anni 14

 

ore 19.00

Buone notizie (1979)

Regia: Elio Petri; soggetto e sceneggiatura: E. Petri; fotografia: Tonino Nardi; scenografia: Amedeo Fago, Franco Velchi Pellecchia; costumi: Barbara Mastroianni; musica: Ennio Morricone; montaggio: Ruggero Mastroianni; interpreti: Giancarlo Giannini, Paolo Bonacelli, Angela Molina, Aurore Clément, Ombretta Colli, Ninetto Davoli; origine: Italia; produzione: Medusa Distribuzione; durata: 116’

Vietato ai minori di anni 14

 

ore 21.10

La classe operaia va in paradiso (1971)

Regia: Elio Petri; soggetto e sceneggiatura: Ugo Pirro, E. Petri; fotografia: Luigi Kuveiller; scenografia: Dante Ferretti; costumi: Franco Carretti; musica: Ennio Morricone; montaggio: Ruggero Mastroianni; interpreti: Gian Maria Volonté, Mariangela Melato, Salvo Randone, Gino Pernice, Luigi Diberti, Donato Castellaneta; origine: Italia; produzione: Euro International Films; durata: 111’

Vietato ai minori di anni 14

 

lunedì 15 chiuso

 

martedì 16 febbraio ore 17.00

 

I sette contadini (1958)

Regia: Elio Petri; sceneggiatura Cesare Zavattini, Luigi Chiarini, Renato Nicolai; testo: R. Nicolai; fotografia: Roberto Gerardi; musica: Claudia Nizza; montaggio: Gabriele Varriale; origine: Italia; produzione: A.B. Cinematografica; durata: 10’

 

 

a seguire

Le mani sporche (1979)

Regia: Elio Petri; soggetto: dal dramma di Jean-Paul Sartre; traduzione e adattamento televisivo: E. Petri; fotografia: Nando Forni; scenografia: Filippo Corradi-Cervi; costumi: Barbara Mastroianni; musica: Ennio Morricone; montaggio: Gianni Lari; interpreti: Marcello Mastroianni, Giovanni Visentin, Anna Maria Gherardi, Giuliana De Sio, Omero Antonutti, Massimo Foschi; origine: Italia; produzione: Rai; durata: 234’

Per gentile concessione di Rai Teche – Ingresso gratuito

 

ore 21.20

Todo modo (1976)

Regia: Elio Petri; soggetto: dal romanzo omonimo di Leonardo Sciascia; sceneggiatura: E. Petri, con la collaborazione di Berto Pelosso; fotografia: Luigi Kuveiller; scenografia: Dante Ferretti; costumi: Franco Carretti; musica: Ennio Morricone; montaggio: Ruggero Mastroianni; interpreti: Gian Maria Volonté, Marcello Mastroianni, Mariangela Melato, Ciccio Ingrassia, Franco Citti, Tino Scotti; origine: Italia; produzione: Cinevera; durata: 130’

Vietato ai minori di anni 14

 

Cinema Trevi,  vicolo del puttarello, 25 – Roma tel. 066781206

Per informazioni 0672294301

Mappa non disponibile

Date/Time
Date(s) - 12/02/2010 - 16/02/2010
All Day

Location

Category(ies) No Categorie

Lascia un commento