Dieci inverni (2009)








Volete che vi raccontino la vita vera, senza fronzoli e lieto fine zuccheroso e scontato? Ecco a voi “Dieci inverni”, la prima pellicola di Valerio Mieli. E’ tanto il tempo che ci mettono i due protagonisti, Camilla e Silvestro, rispettivamente Isabella Ragonese e Michele Riondino, per scoprire i loro veri sentimenti. Nel frattempo la vita, le crisi, le amicizie, la maturazione, l’università, il lavoro e, sullo sfondo, gelide ma bellissime città: Venezia e Mosca. Il realismo è dato ancor di più dalla naturalezza dell’interpretazione dei due bravi attori che attraverso i freddi inverni si districano tra i meandri di sentimenti repressi e parole non dette con l’inappuntabile orgoglio in sordina che tritura le consistenze dell’animo. Siamo fieri, noi spettatori, di questi nuovi esordi nella regia che arricchiscono il magnifico mondo del cinema. Anche qui l’autore, proprio nel suo primo lavoro, ha dato prova di grande sensibilità buttandosi a capofitto nel vecchio cliché della commedia sentimentale,  rendendolo tuttavia serio e adatto al pubblico troppo abituato ai buoni sentimenti da sempre raccontati dal cinema, ma in cerca, ora, per la verità, di qualcosa che assomigli più alla inesorabile quotidianità. Ci auguriamo abbia ancora molto da dirci questo regista che saprà sicuramente affinare, con i suoi prossimi lavori, la sua capacità di raccontare.

Camilla lascia la casa paterna per frequentare l’Università a Venezia e studiare teatro russo. Incontra Silvestro, anche lui lì per studiare, sul vaporetto che la porterà nella sua nuova piccola e cadente dimora, ma da questo luogo e da questa amicizia prende l’avvio la storia della loro formazione dove anche il freddo dei gelidi inverni assume un ruolo essenziale nello svolgersi del racconto.

Il film è stato presentato al Festival di Venezia 2009 nella sezione Controcampo italiano.

 

Livia Serlupi Crescenzi

 

Mappa non disponibile

Date/Time
Date(s) - 31/12/2009
All Day

Location

Category(ies) No Categorie

Lascia un commento