Human Rights Nights a Bologna. Cinema, arte e musica dei diritti umani


Dal 12 al 16 ottobre | Undicesima edizione

23 film in programma, l`anteprima italiana di The Whistleblower, con Rachel Weisz, Vanessa Redgrave e Monica Bellucci, la presenza dei registi Theo Anghelopoulos e Milcho Manchevski, il Premio Mutti.

Dal sito del festival: Human Rights Nights e` festival internazionale di cinema, arte e musica dei diritti umani: un’opportunità per sentire voci altrimenti nascoste e vedere rappresentazioni alternative attraverso narrative cinematografiche del mondo, che insieme dimostrano ed esprimono la complessità della questione dei diritti umani.

Il festival 2011 è un occasione per presentare il nuovo Human Rights Nights, a seguito delle riflessioni del decimo anniversario scorso sulla nostra identita’ e visione per il futuro, alla luce di come il festival è cresciuto in questi anni, e il ruolo che ha iniziato a rivestire per la città e a livello internazionale. Human Rights Nights non è infatti più solo un ‘festival’ che si manifesta nel corso di 10 giorni ogni anno, ma è il centro di una rete di relazioni e partnerships a livello locale, nazionale, globale di enti, associazioni, università, creatività e azione sociale sui diritti umani, per la sensibilizzazione e azione per un mondo migliore.

Human Rights Nights 2011 comunica alla citta’ la sua nuova immagine, le nuove partnerships e obiettivi, come centro di rete, e al tempo stesso presenta le ultime migliori produzioni cinematografiche sul tema dei diritti umani, incontri con personalita’ impegnate per un mondo migliore, pillole di musica, arte e cibo.

Il festival apre con l’importante incontro Aminata Traore’, un dialogo sul tema della sovranita’ alimentare, per le celebrazioni di World Food Day, e il film The Whistleblower, anteprima nazionale sul tema del traffico delle donne per lo sfruttamento sessuale durante la missione ONU in Bosnia. Il festival dedica una Notte Verde al cambiamento climatico, il riciclo e l’equilibrio del biosistema terra con proiezioni sul tema e incontri su design, trasporti ecologici ed eventi sostenibili – anche quest`anno il festival e` a impatto ZeroCo2 – e ospitando eventi per il progetto Un Anno contro lo Spreco e la Settimana della Spesa Fair Trade. Rivoluzioni arabe, l’uso dei digital social network per la resistenza, lotte per la liberazione da guerre e apartheid, sono affrontate insieme a film che raccontano degli ultimi avvenimenti in Egitto e Iran, di conflitti e ingiustize del passato nei Balcani e in Sud Africa – insieme a Theo Angelopolous, ospite del festival, e alla Fondazione Robert F. Kennedy Europe. La migrazione e la pluralità della società contemporanea sono celebrate come sempre da Human Rights Nights, attraverso il Premio Mutti, che valorizza le produzioni cinematografiche di registri migranti e ospitando la presentazione del Progetto AMITIE, per comunicare una nuova visione di migrazione, sviluppo e diritti umani. La nuova edizione di Youth & Human Rights, progetto di educazione ai diritti umani nelle scuole, viene presentato alla matine delle scuole. Il festival chiude con la presenza straordinaria di Milcho Manchevski, e un omaggio speciale a Jafar Panahi, attualmente agli arresti domiciliari in Iran.

Ogni sera, aperitivi ecologici e delizie gastronomiche naturali e tradizionali al cafe’ permanente del festival, Di Sana Pianta, con intermezzi del Mercato della Terra e di Alce Nero.

Mappa non disponibile

Date/Time
Date(s) - 12/10/2011 - 16/10/2011
All Day

Location

Category(ies) No Categorie

Lascia un commento