Incontro con Paolo Brunatto e Giuseppe Bertolucci. Presentazione di


Il documentario Memorie, ma non solo… di Paolo Brunatto (2008) inizia con un brano dall`atto unico Cioni Mario di Gaspare fu Giulia: lo straordinario monologo di Roberto Benigni, messo in scena da Giuseppe Bertolucci, all`Alberichino di Roma nel 1975. Unico documento audiovisivo di quello spettacolo, filmato da Brunatto all`epoca. Roberto Benigni e Giuseppe Bertolucci, les enfants terribile del teatro e del cinema italiano ricordano oggi, oltre all`esperienza del Cioni Mario, anche quella del film Berlinguer ti voglio bene. In un montaggio alternato, dove sono a confronto l`impetuosa vitalità dell`artista toscano e il carattere pensoso, discreto e seducente del regista parmense, prendono forma i giorni che i due trascorsero a Casarola (la casa di famiglia dei Bertolucci sull`Appennino emiliano) per partorire il copione del Cioni Mario: una memorabile seduta psicoanalitica a doppio senso. E le prime e memorabili apparizioni teatrali di Roberto Benigni. Le memorie di Benigni e Bertolucci ripercorrono poi il labirinto stilistico e contenustico che affrontarono per realizzare Berlinguer ti voglio bene nel 1977. Dopo lo struggente flash-back del ricordo, Bertolucci e Benigni, si tuffano in una riflessione a tutto campo sul futuro del cinema, nella quale Benigni disserta di filosofia, filologia, semantica e cosmogonia, nel suo stile zeppo di paradossi e di sottintesi allusivi e stravaganti. I ricordi di Bertolucci e Benigni sono contrappuntati da rari filmati d`epoca, quasi inediti, come il "Comizio" di Roberto Benigni, girato dallo stesso Brunatto nel 1978. «Penso che viviamo in un`epoca dalla memoria breve. Chi ricorda come esordirono Roberto Benigni e Giuseppe Bertolucci, nel 1975 con Cioni Mario di Gaspare fu Giulia, nella cantina dell`Alberichino di Roma? E quali furono i motivi culturali e politici che spinsero Bertolucci e Benigni, a realizzare un film come Berlinguer ti voglio bene, dove il turpiloquio si nobilita in una poetica del linguaggio parlato in una frenetica urgenza di sperimentazione, e dove la sessualità assume forme sovversive? Con questo mio film documentario ho voluto " restaurare" il ricordo di un`epoca della cultura italiana, che ebbe in Giuseppe Bertolucci e Roberto Benigni due eccezionali protagonisti. Ma non solo: ho cercato anche di scoprire come Benigni e Bertolucci vedono il futuro del cinema» (Brunatto).

Cinema Trevi
Vicolo del Puttarello, 25
Roma
Mappa non disponibile

Date/Time
Date(s) - 13/02/2009
All Day

Location

Category(ies) No Categorie

Lascia un commento