IX Festival del Cinema Russo. Padri e figli. Generazioni a confronto


PADRI E FIGLI. GENERAZIONI A CONFRONTO

LA TRADIZIONALE RASSEGNA DEL PROGRAMMA DEL FESTIVAL PRESENTA I FILM DEI REGISTI EFIM UCHITEL’, ALEKSEJ UCHITEL’ E IL’JA UCHITEL’

Efim UCHITEL’
Direttore della fotografia e regista sovietico, autore di film documentari. È nato il 15 (28) ottobre 1913 a Tiraspol’ , nel governatorato di Kherson (attuale Repubblica Moldava di Transnistria) in una famiglia ebrea. Il padre era tipografo e lavorava per il giornale locale “Dnestrovskij kraj”. Dal 1930 al 1935 ha studiato alla facoltà di operatore all’Istituto Cinematografico di Leningrado. Dal 1935 ha lavorato come assistente operatore, dal 1937 al 1988 (anno della morte) ha prestato servizio come operatore e regista presso gli studi cinematografici Lenkinokhronika-LSDF. Il suo primo lavoro è “Feste nella tundra” (1937). Nel 1940, insieme ad altri colleghi, ha girato il film “La linea di Mannerheim”. Negli anni della Grande guerra patriottica ha prestato servizio come operatore di guerra (eseguendo delle riprese dell’assedio di Leningrado). Le sue riprese sono entrate nelle pellicole “Berlino” e “La parata della Vittoria” (1945) e in altre ancora. Nel 1942 come regista ha firmato il film “Leningrado in lotta”, questo stesso tema è stato sviluppato nelle successive pellicole “Lo sfondamento dell’assedio di Leningrado” (1944), “Leningrado” (1947, insieme con R. Karmen), “L’atto eroico di Leningrado” (1959), “Incontro con Leningrado” (1970), “Leningrado e gli anni del coronamento” (1947), “Leningrado, città eroe” (1975).

Aleksej UCITEL’
Regista, produttore, artista emerito del popolo della Russia. È nato nel 1951 a Lelingrado. Nel 1975 ha ultimato il VGIK, ha lavorato come direttore della fotografia allo Studio del cinema documentaristico di Leningrado. Il suo debutto nel cinema avviene con il film “La mania di Giselle”, insignito del grand prix al Festival del cinema russo di Honfleur. I successivi suoi lavori hanno ricevuto premi sia in Russia che all’estero, e il film “Il diario di sua moglie” ha ottenuto più di trenta riconoscimenti e nel 2000 è entrato nella rosa dei film candidati al premio Oscar nella categoria “Miglior film straniero”. La pellicola del 2005 “Il cosmo come presentimento” ha ottenuto il primo premio al XXVII Festival Internazionale del Cinema di Mosca, e il premio “Aquila d’oro” nella categoria migliore opera di regia. Il film “Al limite estremo” è uscito sugli schermi nel 2010 ed ha partecipato a numerosi festival internazionali (Varsavia, Tessalonica, Marrakesh) ed è stato insignita di 4 riconoscimenti al premio “Aquila d’oro” per migliore regia, miglior interpretazione maschile e femminile e migliore attrice non protagonista. Dal 2010 Aleksej Uchitel’ è presidente del Festival Internazionale “Message to Man” di San Pietroburgo dedicato al cinema documentario, al cortometraggio e all’animazione. È membro della commissione dell’Accademia russa delle arti cinematografiche “Nika”.

Filmografia (Fiction): “La mania di Giselle” (1995), “Il diario di sua moglie” (2000), “La passeggiata” (2003), “Il cosmo come presentimento” (2005), “Il prigioniero” (2008), “Al limite estremo” (2010), “Vosmerka” (Senza freni) (2013).

Il’ja UCHITEL’
È nato a Mosca nel 1992 nella famiglia di un regista e di un produttore. Nel 2009 si è iscritto al VGIK frequentando la classe di V. Khotinenko e di V. Fenchenko.

Filmografia: “Il dirigibile” (cortometraggio, 2010), “Gira e crepa” (cortometraggio, 2010), “Il trombettista e il pupazzo” (cortometraggio, 2011), “Striptease” (cortometraggio, 2012), “Transfer” (cortometraggio, 2014).

Clicca qui per la programmazione

Sto caricando la mappa ....

Date/Time
Date(s) - 01/12/2014 - 05/12/2014
All Day

Location
Casa del Cinema

Category(ies) No Categorie

Lascia un commento