Ravenna Festival d`essai. Quattro appuntamenti da non perdere


Aspettando il Festival… | Dal 2 , 9, 12 e 16 maggio, quattro appuntamenti da non perdere

La rassegna cinematografica d’essai anticiperà in maniera innovativa l’inizio del Festival con un programma di tre documentari e un film “a soggetto”, finora presentati solo all’interno dei più acclamati festival del cinema internazionali e mai proiettati a Ravenna. I film, firmati da registi di grande rilievo come Renaud Barret e Florent de la Tullaye, Gianni Celati, Werner Herzog, Mark Dornford-May, richiamano tematicamente alcuni degli spettacoli ospitati nella manifestazione, quali rispettivamente, Staff Benda Bilili!, Nessuno può coprire l’ombra, Cave of Forgotten Dreams Concerto, The Magic Flute e introdurranno al pubblico la programmazione del Festival, creando una interessante possibilità di approfondimento e di variazioni sul tema.

Luoghi e tariffe:
Cinema Jolly (via R. Serra, 33) – ingresso: 5 €
Cinema City (via S. Bini, 7) – ingresso: 8 € (proiezione 3D)

 
Cinema Jolly – 2 maggio ore 21
Benda Bilili!
regia di Ranault Barret e Florent de la Tullaye
anno 2010
durata 85 min
(proiezione in lingua lingala e francese, sottotitoli in inglese)
Festival de Cannes 2010 – sezione Quinzaine des Réalisateurs

Ricky ha un sogno: fare di Staff Benda Bilili la migliore band in Congo. Roger, un ragazzo di strada come tanti a Kinshasa, desidera ardentemente aggregarsi a queste star del ghetto, quattro carismatici cantanti e chitarristi pieni di energia, colpiti nell’infanzia dalla poliomelite, che vanno in giro su spettacolari tricicli personalizzati, provando nello zoo della città e suonando ovunque per strada musica che richiama i ritmi della rumba e della vecchia scuola del rhythm ‘n’ blues e del reggae. Insieme, i protagonisti devono combattere  una quotidianità difficile e farsi forza con il solo aiuto della musica. Dalla vera storia della band, che in pochi anni si è affermata internazionalmente ottenendo numerosi prestigiosi riconoscimenti, Benda Bilili! (“oltre le apparenze”) è il racconto di un sogno diventato realtà.

 
Cinema Jolly – 9 maggio ore 21
Diol Kadd.
Vita, diari e riprese in un villaggio del Senegal

regia di Gianni Celati
anno 2010
durata 90 min
Proiezione alla presenza del regista
(proiezione in lingua italiana e wolof, sottotitoli in italiano)
Festival Internazionale del Film di Roma 2010 – sezione L`Altro Cinema | Extra

Dall’incontro avvenuto a Ravenna tra lo scrittore e l’attore-regista senegalese Mandiaye Diaye, nasce il racconto-diario dei giorni passati a Diol Kadd (un piccolo villaggio del Senegal) per realizzare e mettere in scena una commedia di Aristofane tradotta in lingua wolof sul contrasto tra povertà e ricchezza, alla quale tutti gli abitanti hanno preso parte. È dunque sulla vera vita in un villaggio africano che cade l’accento di questa narrazione: le feste la sera, il lavoro nella giornata, i tentativi di rimorchio delle donne, il rapporto con i vicini di casa, gli intrecci amorosi e le differenze date da un ordinamento sociale opposto al nostro, senza alcun pietismo, ma piuttosto con l’intento di trasmettere un racconto rigoroso del reale, che ribalti l’idea “bianca” dell’Africa.

Cinema City – 12 maggio ore 21
Cave of Forgotten Dreams
regia di Werner Herzog
anno 2010
durata 95 min
(proiezione 3D in lingua inglese, sottotitoli in italiano)
Toronto International Film Festival 2010
In collaborazione con Trento Film Festival

Un’esplorazione alla scoperta delle più antiche tracce umane: gli affascinanti dipinti preistorici nella Grotta Chauvet, situata nel sud della Francia lungo il fiume Ardèche, scoperta per caso nel 1994 dallo speleologo Jean-Marie Chauvet. Questo è quello che il regista vive in prima persona e al contempo narra, durante il suo viaggio strabiliante tra stalagmiti che hanno creato sculture simili a cattedrali cristalline e quasi 500 pitture rupestri, a ritroso nel tempo di 32.000 anni, in una spedizione a cui pochissimi hanno avuto il privilegio di partecipare. Accompagnato da una sceltissima equipe di speleologi, storici dell’arte e della preistoria, Herzog realizza la documentazione preziosissima in 3D di un universo nascosto ai più, e trascina lo spettatore a riflettere su domande e quesiti esistenziali mai risolti.

Cinema Jolly – 16 maggio ore 21
U-Carmen eKhayelitsha
regia Mark Dornford-May
anno 2005
durata 120 min
(proiezione in lingua xhosa, sottotitoli in italiano)
Orso d’Oro al Berlin International Film Festival 2005

Trasposizione in chiave moderna dell’opera di George Bizet “Carmen”, dalla Siviglia di fine ‘800 a un sobborgo di Città del Capo (Sud Africa), è la storia di Carmen (interpretata dalla straordinaria Pauline Malefane), una giovane che sopravvive lavorando in una manifattura tabacchi e frequentando un ambiente di contrabbandieri e trafficanti. Un giorno, dopo una rissa nella quale è coinvolta, conosce un poliziotto che si innamora perdutamente di lei. Tra i due si stabilirà un rapporto amoroso difficile e contraddittorio che porterà il poliziotto a lasciare il suo lavoro per diventare un malvivente. Il loro amore proseguirà in modo rocambolesco fino a quando non si verificherà l’irreparabile. La commistione tra musica lirica e tradizionale sudafricana permette di inquadrare il film, primo in cui un’opera viene tradotta in lingua xhosa, a metà tra musical e documentario.

 

 

Mappa non disponibile

Date/Time
Date(s) - 02/05/2011 - 16/05/2011
All Day

Location

Category(ies) No Categorie

Lascia un commento