Trieste Film Festival | 20^ edizione


Dal 15 al 22 gennaio 2009 la ventesima edizione del Trieste Film Festival

CONCORSO LUNGOMETRAGGI

verranno presentati in concorso per il Premio Trieste 12 lungometraggi di fiction scelti tra le opere prodotte negli ultimi due anni che meglio documentano e interpretano i segnali di tendenza più originali e più indicativi dei nuovi percorsi su cui si avvia la produzione cinematografica nel suo complesso.

CONCORSO CORTOMETRAGGI
una ventina di opere in pellicola e video prodotte negli ultimi due anni nei paesi dell’Europa centro orientale in concorso per il Premio al Miglior Cortometraggio.

CONCORSO DOCUMENTARI
concorso destinato ai documentari prodotti nell’Europa centro orientale. In competizione per il Premio Alpe Adria Cinema opere inedite per l’Italia.

CINEMA GRECO. FILM DAL MARGINE
La 20a edizione del Trieste Film Festival dedicherà nuovamente una sezione a una delle aree geografiche d`interesse, questa volta dirigendo le ricerche e le riflessioni verso una parte dell`Europa situata tra i Balcani e il Mediterraneo, tra l`oriente e il sud, tra un passato classico e una modernità multiculturale e multietnica: la Grecia. Un`occasione per (ri)scoprire il cinema greco degli ultimi 10 anni, soprattutto attraverso le generazioni degli autori più giovani.

1909-2009: DA TRIESTE A DUBLINO – JAMES JOYCE E IL CINEMA VOLTA
Tra gli eventi dell’edizione 2009 un articolato omaggio a James Joyce: dopo Schulz, Hrabal, Schnitzler e Svevo il percorso intrapreso dall’associazione Alpe Adria Cinema  porta a Joyce. Per il centenario dell’apertura del Cinematografo Volta a Dublino (che il mito vuole sia stato il primo in Irlanda) sarà proposto un grande evento intitolato 1909-2009: Trieste a Dublino – J. Joyce e il Cinema 0Volta, dedicato all`impresa pionieristica di alcuni coraggiosi imprenditori triestini e dello scrittore irlandese.
L`evento curato da Elisabetta D’Erme, John McCourt e Erik Schneider prevede una mostra; una retrospettiva cinematografica, un convegno e un concorso di sceneggiatura.

LO SCHERMO TRIESTINO: GIACOMO GENTILOMO
Terzo tappa del progetto in collaborazione realizzato in collaborazione con l’Università degli studi di Trieste. Regista a lungo dimenticato, Giacomo Gentilomo ha attraversato il cinema italiano affrontando i generi più diversi, dagli adattamenti letterari al cinema mitologico, dal mélo al biografico, passando per il documentario, in una continua contaminazione di registri e stili che hanno caratterizzato tutto il suo percorso artistico.

L’omaggio del Trieste Film Festival, che gli dedica una retrospettiva antologica, e la pubblicazione di un volume che ne ricostruisce la carriera, costituiscono un doveroso atto di riconoscimento e, insieme, di risarcimento, reso dalla città nella quale è nato e si è formato, proprio in occasione del centenario della sua nascita, avvenuta nel 1909. Parte integrante dell’omaggio, una mostra dedicata all’opera pittorica di un poco conosciuto Gentilomo surrealista.

WALLS OF SOUND: Sound(e)scapes of possibilities
Ulteriore, stimolante percorso di quest’edizione, rigorosamente proposto in seconda serata, è Walls of Sound: un viaggio senza meta che permette di gettare sguardi penetranti, ironici, a volte provocatori, sul modo in cui la musica viene prodotta, fruita e vissuta al di fuori dei grandi circuiti mediatici.

ZONE DI CINEMA
Questa sezione si configura come un ampio contenitore destinato a dare spazio e visibilità alla produzione locale più interessante e ai molteplici fermenti che la caratterizzano sia nella direzione della ricerca documentaristica legata al territorio e alla complessità della sua storia sia nella direzione della libera sperimentazione narrativa e autoriale.

Per il Modulo di Accredito clicca qui

 

 

Mappa non disponibile

Date/Time
Date(s) - 15/01/2009
All Day

Location

Category(ies) No Categorie

Lascia un commento