Un Bene di più per il Bif&st. L`omaggio al grande salentino


Bif&st – Bari International Film Festival | Terza edizione

"Pasolini, con cui eravamo grandi amici, mi disse una cosa. Mi disse: Il cinema è una febbre, quando cominci non la smetti più. L`avessi smessa!!" Carmelo Bene e il cinema. Una sorta di odi et amo mai terminato e mai risolto, com`era nello spirito di un vero inquisitore delle arti quale è stato Bene, cui ogni definizione mal si addice e che lui stesso rifiuterebbe come volgare. Disse addirittura che non capiva come mai una serie di persone si riunisse in una sala buia e ad un certo punto si accendesse un rettangolo: "se lasciassero al buio anche quello! Ma qui non siamo pronti, c`è troppo poco Oriente". Provocatore e "contro" il cinema eppure non riuscì a non farsene contagiare, tanto da misurarsi con l`invenzione dei fratelli Lumiere in una serie di corti e lungometraggi tra la fine degli anni Sessanta e la metà dei Settanta regalando alla storia una serie di opere tra cui Nostra Signora dei Turchi (che fu presentato alla Mostra del Cinema di Venezia, dove vinse il premio speciale della giuria), Un Amleto di meno e Salomè che rimangono materiali unici. Eppure mentre li fa, li nega. "Il cinema non è niente, non è la Settima Arte, è il festival dell`ibrido totale, della musica, della letteratura, è pura commistione. Per vedere un vero film bisogna andare nell`Ulysess di Joyce oppure nelle copie originarie della Commedia di Dante. E il doppiaggio? Un ennesimo doppione. Per non parlare della masturbazioncella del set. Tutto Fellini è uno sciaguratissimo autocompiacimento del set, non è un acrobata né un vigile del fuoco, ahimè è un cineasta".

Per godere delle "perle" che questo straordinario uomo ha lasciato al mondo prendetevi una settimana di ferie e andate a Bari. L`occasione, ghiottissima, di vedere i materiali di Bene e su Bene arriva da un Festival piccolino, il Bif&st – Bari International Film Festival, giunto alla terza edizione, ma con un`anima dentro segnata dalla terra nella quale entrambi sono nati, ovvero la Puglia. Dal  24 al 31 marzo 2012, il presidente Ettore Scola e il direttore artistico Felice Laudadio saranno gli ambasciatori ideali per celebrare, a dieci anni dalla morte avvenuta il 16 marzo 2002, una delle menti più alte che il mondo della cultura italiana abbia mai espresso. Sono 50 ore di straordinari documenti messi a disposizione dalle Teche Rai e dal Centro Sperimentale di Cinematografia, un evento davvero irripetibile. L`omaggio a Bene arriverà anche a Lecce dove sono previsti due concerti così come a Otranto, con una serie di eventi speciali.

Non ci sarà solo Bene, naturalmente, a Bari. Al Teatro Petruzzelli il 28 marzo, in contemporanea in tutto il mondo, si vedrà la versione in 3D di uno dei classici del cinema contemporaneo, Titanic, mentre c’è molta attesa per la prima europea di Il primo uomo di Gianni Amelio, dal romanzo di Albert Camus. In programma anche Ciliegine, il film che vede il debutto di Laura Morante alla regia, il remake del thriller islandese Reykjavik-Rotterdam, Contraband di Baltasar Kormákur, con Mark Wahlberg e Kate Beckinsale, la brillante commedia The Best Exotic Marigold Hotel di John Madden, con Maggie Smith, Bill Nighy e Judi Dench, 360 di Fernando Mereilles con Rachel Weisz, Jude Law, Anthony Hopkins e Ben Foster, un’amara riflessione sulla morale sessuale all`interno delle varie classi sociali, ed infine la prima nazionale di Diaz di Daniele Vicari con Elio Germano, Claudio Santamaria e Pippo Delbono.

Un Festival senza glamour, come ha ricordato il presidente della Puglia Nichi Vendola presentando la rassegna, ma con la decisa voglia di combattere uno stato che disincentiva la cultura “In uno Stato che sta rimuovendo la cultura come motore dello sviluppo e della crescita economica c’è solo una strada da percorrere, quella della ribellione, e il festival pugliese rappresenta quindi un momento di lotta politica”.

Monica Straniero

Mappa non disponibile

Date/Time
Date(s) - 24/03/2012 - 31/03/2012
All Day

Location

Category(ies) No Categorie

Lascia un commento