VIII edizione di 41esimo Parallelo: “New York, New York”


Rassegna oltre Oceano | Quando il cinema non è che un pretesto…

Da oggi – lunedì 28 novembre – avrà inizio una rassegna cinematografica sostenuta da Mibac in collaborazione con la Cineteca Nazionale. All’insegna dello scambio culturale, le nuove promesse della settima arte “Made in Naples” approderanno direttamente dall’altro lato dell’Atlantico per raggiungere gli spazi del Lincoln Center, dell’Istituto Italiano di Cultura e della New York University. Molti non sanno, infatti, che all’interno di questa università newyorkese si trova uno “spazio italiano”, chiamato Zerilli-Marimò, che rappresenterà in quest’occasione un’ulteriore stimolo per rafforzare le sinergie tra le due culture, confermandosi consueto riferimento per giovani talenti (questa volta napoletani). Se nella prima serata saranno proposti al pubblico americano nove cortometraggi premiati nella sezione “Schermo Napoli” in occasione del più recente Festival svoltosi nel capoluogo campano presso la sede di Castel Sant’Elmo, la mattinata successiva sarà invece dedicata alla figura di Dino De Laurentiis: il celebre produttore campano è scomparso esattamente un anno fa, a Los Angeles, all’età di 91 anni. La sua carriera attraversa un vastissimo arco temporale del panorama cinematografico italiano e affonda letteralmente le radici nella “storia della settima arte”: da lui sono stati prodotti non soltanto successi come “Riso Amaro” (1948) di Giuseppe De Santis o “Napoli Milionaria” (1950) di Eduardo De Filippo. Si tratta di titoli di “risonanza mondiale”, come per esempio il Leone d’Oro a Venezia del 1959 firmato da Mario Monicelli e interpretato dalla coppia Sordi-Gassman, “La grande guerra”.

La collaborazione di De Laurentiis con Carlo Ponti (sodalizio firmato ufficialmente nel 1948) vedrà la realizzazione di “Totò a colori” (1952), il primo film a colori del nostro Paese per la regia di Steno. E quali tra i suoi prodotti sono stati insigniti del riconoscimento come “miglior film straniero”? Il nome del produttore, in questo senso, si lega a quello di Federico Fellini e dei suoi premi Oscar “La strada” e “Le notti di Cabiria”. Nella molteplicità dei più differenti generi trattati, “La grande guerra” viene scelto ancora una volta come film di “rappresentanza” e sarà proiettato proprio in occasione di 41esimo Parallelo: la Film Society del Lincoln metterà in scena la pellicola a tutto schermo con il supporto dei direttori del festival Azzolini e Violini: raccogliere gli spettatori per la condivisione di quest’evento si presterà quindi a divenire l’occasione per mettere in rilievo l’importanza di De Laurentiis anche al di fuori del confine italiano e in particolar modo nella sfera dei lavori legati alla Filmauro. Tra le pellicole “americane” di grande successo saranno senza dubbio ricordate “Il giustiziere della notte“ di Michael Winner (1974, con Charles Bronson), i remake di “King Kong” di John Guillermin (1976) e di “Il Bounty” di Roger Donaldson (1984, con Mel Gibson) oltre all`”Anno del dragone”di Michael Cimino (e tra le più recenti c’è anche “Hannibal” di Ridley Scott, continuazione dell`altrettanto famoso “Il silenzio degli innocenti” di Jonathan Demme (1991) – con Anthony Hopkins). “Serpico” di Sidney Lumet, film del 1973 ispirato ad una storia vera e interpretato da Al Pacino e “Velluto blu” di David Lynch saranno i film sui quali verrà principalmente veicolata l’attenzione del pubblico, che si prevede sarà costituito da un target non soltanto giovanile. La rassegna nella giornata di mercoledì 30 novembre sarà invece incentrata sulla moda italiana, in particolare sulla tradizione dell’alta sartoria napoletana. Alla New York University ci sarà infatti l’incontro dal titolo “AdDRESSING Style” con Grazia d`Annunzio (responsabile dei progetti speciali per gli Usa di Vogue Italia) e Eugenia Paulicelli (docente di letterature italiana e condirettrice della Scuola di Studi sulla Moda di New York).

Ilaria Abate

Mappa non disponibile

Date/Time
Date(s) - 28/11/2011 - 30/11/2011
All Day

Location

Category(ies) No Categorie

Lascia un commento