Teatro Valle Occupato

Sto caricando la mappa ....

Address
Via del Teatro Valle, 21
Roma

Lazio

Italia


Sarà il grande regista Otar Iosseliani a dare il via ad un itinerario visivo attraverso la cinematografia georgiana di questi ultimi anni. La rassegna dal titolo “Fermento georgiano”, che si svolgerà a Roma al Teatro Valle Occupato, parte il 18 febbraio proprio con Iosseliani che arriva nella capitale per presentare Chantrapas, la sua ultima opera cinematografica in prima italiana. Il film, con lo spirito graffiante che caratterizza il cinema di Iosseliani, racconta le avventure di Nicolas promettente regista georgiano che vede frustrata la propria libertà creativa dalla censura di stampo sovietico. Trasferitosi in Francia, terra di libertà e giustizia, capirà a proprie spese che il mondo ‘libero’ non lo è poi così tanto. Al termine della proiezione, prevista per le h. 21.00, seguirà un incontro con il regista condotto da Enrico Ghezzi.

A partire da giovedì 27 febbraio la rassegna, che si svolgerà interamente al Teatro Valle Occupato, entrerà nel vivo proponendo i film di quattro, tra i più interessanti giovani autori georgiani. In Bloom di Nana Ekvtimishvili e Simon Gross inaugura il ciclo di proiezioni che saranno programmate tutte alle h. 21.00. Per l’occasione sarà presente Nana Janelidze, direttrice del Georgian National Film Center, introduce Mario Sesti. Il film ambientato a Tbilisi nel 1992, ha per protagoniste due amiche quattordicenni. Eka e Natia sono imperturbabili dinanzi alla paura della guerra civile che infuria nel resto del paese perché concentrate dal fiorire dell’adolescenza. Le loro vite cambiano quando Natia riceve una pistola come pegno d’amore e all’improvviso devono affrontare circostanze al di fuori del loro controllo.
Venerdì 28 febbraio sarà la volta di The Keep Smiling di Rusudan Chkonia. Protagoniste del film dieci madri di famiglia che provano con ogni mezzo a vincere un concorso di bellezza. In Palio: 25mila dollari e un appartamento. Ma le grandi speranze a poco a poco svaniscono e le donne si rendono conto di quanto la gara sia una gigantesca farsa. I media e gli organizzatori dello show strumentalizzano la loro tragedia per intrattenere il pubblico e fare audience. Il film sarà presentato da Nina Shervashidze, Projects Manager del Georgian National Film Center, introduce Anna Maria Pasetti.
Sabato 1° Marzo sarà proiettato The Other Bank di Giorgi Ovashvili. Al termine della proiezione il consueto incontro con il regista che sarà introdotto da Bruno Roberti.
Protagonista del film il dodicenne Tedo che vive con sua madre in un tugurio vicino Tbilisi. Dopo il collasso dell’URSS e la guerra che ha devastato l’Abkhazia, la regione della Georgia da cui proviene, Tedo per sopravvivere fa l’apprendista in un garage e compie piccoli crimini che gli permettono di guadagnare un po’ di soldi. Diventato adulto decide di cercare suo padre che vive in Abkhazia. Intraprende così un viaggio alla ricerca delle proprie radici attraverso una parte del paese devastata da un conflitto etnico che ha lasciato profonde ferite.
Domenica 2 Marzo chiude la rassegna The machine that makes everything disappear di Tinatin Gurchiani. Al termine della proiezione l’incontro con la regista sarà introdotto da Giona Nazzaro. Nel film una regista annuncia un casting per giovani dai 15 ai 23 anni. Numerose persone rispondono alla sua chiamata ma solo alcuni si dimostrano particolarmente interessanti agli occhi della giovane donna. A far da sfondo alla vicende tragicomiche di questi personaggi c’è un luogo come la Georgia, dove le reminiscenze del passato sotto il regime sovietico si fondono con uno stato ormai moderno e indipendente.
Gli appuntamenti della rassegna sul cinema georgiano prevedono, oltre alle proiezioni e agli incontri con gli autori, una serie di momenti legati alla conoscenza della cultura e dell’industria audiovisiva del paese.
La proiezione di giovedì 27 febbraio sarà preceduta dalle h. 19.00 da una “Supra” il tradizionale banchetto georgiano, fulcro conviviale della vita culturale del paese. Venerdì 28 e sabato 29 febbraio alle h. 19.00 ci sarà una degustazione di vini tipici georgiani.
Sabato 1° Marzo alle h. 17.00 è prevista una tavola rotonda sulle opportunità produttive che possono nascere dal girare in Georgia. Al panel, indirizzato agli operatori del settore audiovisivo, prenderanno parte i rappresentanti del Georgian National Film Center (GNFC) che illustreranno i possibili vantaggi offerti a chi va a girare in Georgia e le modalità degli accordi di coproduzione fra Italia e Georgia. Tra i partecipanti: Nana Janelidze, Direttore del GNFC, la produttrice Anna Dziapshipa e Nina Shervashidze, Projects Manager del GNFC. Domenica 2 marzo alle h. 19.00, infine ci sarà l’esibizione di un coro di musica georgiana.

La rassegna “Fermento Georgiano” è promossa dall’Ambasciata Georgiana in Italia, dal Ministero della Cultura Georgiana, dal Georgian National Film Center con il supporto del Milano Film Festival e la collaborazione di ACIG Associazione per il Commercio italo-georgiano e Teatro Valle Occupato.

Upcoming Events

  • Non ci sono eventi in questa posizione
  • Lascia un commento