MISFATTI DEL DOPPIAGGIO: DAL “CAUCASICO” DEI POLIZIESCHI AL FILOSOFO JAGGER DI “DR. HOUSE”, DA CALLAHAN SENZA G A CAB CALLOWAY CHE SUONA L’ARPA IN “BLUES BROTHERS”

L’angolo di Michele Anselmi | Scritto per Cinemonitor Inchiniamoci ai nostri doppiatori: probabilmente i migliori al mondo per antica tradizione, in parte originata dall’autarchico ventennio fascista. Ma è anche vero che gli spettatori italiani dovrebbero, diciamo potrebbero, al di là delle recenti sciocchezze pronunciate da Vincent Cassel sulla cosiddetta mafia del doppiaggio, abituarsi all’idea di […]

Lost in Translation, i misfatti del doppiaggio

L’angolo di Michele Anselmi | Pubblicato su “Lettera 43“ Inchiniamoci ai nostri doppiatori: probabilmente i migliori del mondo per antica tradizione, in parte originata dall’autarchico ventennio fascista. Ma è anche vero che gli spettatori italiani dovrebbero abituarsi all’idea di vedere i film in lingua originale coi sottotitoli. Sforzandosi magari un po’. Perché il rapporto voce-volto […]

Lincoln, la voce che conta. Le star italiane doppiano quelle americane

L’angolo di Michele Anselmi | Pubblicato su “Lettera 43“ «Shall We Stop This Bleeding?» si chiede Daniel Day-Lewis, nei panni del celebre presidente, in “Lincoln” di Steven Spielberg. Il film è uscito da poco nelle sale statunitensi, una settimana dopo l’election day che ha incoronato di nuovo Obama; in Italia lo vedremo a febbraio, probabilmente […]

Pannofino, voce e (troppo) corpo?

L’angolo di Michele Anselmi | Pubblicato su Il Misfatto   È più forte di loro. Arriva quasi sempre il momento in cui al bravo doppiatore o alla brava doppiatrice vien voglia di metterci la faccia, per dimostrare di saper recitare. Prendete Francesco Pannofino. L’uomo fa simpatia, con quei baffoni folti, i capelli arruffati, lo sguardo […]